Alpini dal cuore d’oro: tredici doni di Natale durante il concerto a Venegono Superiore VIDEO

Consegnata anche la "stupida", il cappello da lavoro degli alpini, a tre volontari.

Saronno, 23 Dicembre 2019 ore 15:45

Ieri, domenica 23 dicembre, il tradizionale concerto di Natale organizzato dagli alpini di Venegono Superiore, in cui sono stati anche dati in beneficenza i proventi dell’anno.

Alpini dal cuore d’oro

Una serata importante, che si ripete da tanti anni e attesa da tante realtà del territorio quella di ieri a Venegono Superiore per il concerto di Natale della sezione cittadina degli alpini. Ad incantare con le proprie voci i presenti nella chiesetta di Santa Maria quest’anno il Coro Stelle Alpine diretto dal Maestro Ornella Zampieri. Il gruppo ha portato una piccola selezioni di canti popolari e cori di montagna, a tema natalizio e alpino: da Astro del Ciel a Sul Cappello. La serata però è stata anche occasione per consegnare le buste coi doni delle penne nere, che con questa iniziativa devolvono in beneficenza il ricavato delle manifestazioni organizzate durante l’anno e i proventi della Casa Alpina al Parco Pratone.

Tredici doni dal babbo Natale alpino

4 foto Sfoglia la gallery

Tredici le realtà che hanno ricevuto quest’anno un contributo degli alpini: l’associazione Atap, che ha ricevuto un contributo anche dalla sezione di Lonate Ceppino; l’ex cappellano militare della sezione di Varese don Franco Berlusconi, ora trasferito a Novara dove sta cercando di costruire un opificio alpino di falegnameria per dare un futuro a dei ragazzi senza famiglia; il Csi di Venegono; un’associazione di Solbiate Olona che si occupa di assistere i ragazzi conla Sindrome di Down; il Gruppo Musicale di Venegono Superiore; i missionari comboniani; l’associazione Servi dei Poveri; Lions Club- Progetto scuola per cani guida per ciechi; Monsignor Damiano Guzzetti, alpino, comboniano e vescovo di Moroto in Uganda; l’asilo Busti; l’associazione Caos, Centro di Ascolto Operate al Seno; la parrocchia di Venegono; il Coro Stelle Alpine.

Consegnate le prime tre “stupide”

alpini dal cuore d'oro a venegono superiore

Dopo il concerto, panettone, pandoro, vin brulè e pasta e fagioli in Casa Alpina. E qui, nella sede delle penne nere, un’altro momento importante: la consegna delle prime tre “stupide”, il cappello da lavoro degli alpini, ad altrettanti volontari non alpini ma iscirtti all’associazione Amici della Casa Alpina. “Persone che non hanno fatto l’apino e non possono indossare la penna nera – ha spiegato Bruno Zoccola – ma persone che lavorano, anche più degli alpini, ogni giorno. E che la Sezione nazionale ha deciso di premiare con la consegna di questo cappello, e con l apossibilità di partecipare, dal prossimo anno, alla sfilata della nostra adunata nazionale”. “Stupida”, come viene chiamato il cappello, che è stata consegnata oltre che dal capogruppo Antonio Bison, dal consigliere provinciale Angelo Galmarini e dal presidente di sezione Franco Montalto a Antonio di Trolio, Salvatore Genovese e Nando Bordignon.

LEGGI ANCHE: Il coro degli Alpini alla Casa Famiglia di San Vittore Olona

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia