Cronaca

Vito Clericò: "Ho ucciso Marilena dopo averla sognata"

Vito Clericò ha confessato stamattina i motivi per i quali avrebbe ucciso Marilena Re, la promoter 58enne di Castellanza decapitata e sepolta nel suo orto.

Vito Clericò: "Ho ucciso Marilena dopo averla sognata"
Cronaca Rhodense, 19 Dicembre 2017 ore 16:14

Stamattina Vito Clericò è stato interrogato in Procura a Busto Arsizio sull'omicidio di Marilena Re.

Le confessioni di Vito Clericò

Ha detto di averla uccisa "per un sogno" e poi di avere perso la testa e di averla fatta a pezzi. L’ha uccisa “per un sogno” e poi ha “perso la testa” e l’ha fatta a pezzi. Vito Clericò, 65 enne di Garbagnate Milanese, reo confesso dell’omicidio di Marilena Rosa Re, promoter di 58 anni residente a Castellanza, è stato interrogato oggi in Procura a Busto Arsizio (Varese). Secondo il suo legale Daniela D’Emilio, Clericò ha spiegato al Pm Rosaria Stagnaro e ai carabinieri “di aver sognato Marilena che lo minacciava di soffocarlo se avesse parlato, ma non sappiamo a cosa si riferisse”, la notte prima del delitto.

L'ha raggiunta a Castellanza

Dopo averla raggiunta a casa sua Castellanza (Varese), Clericó ha detto di avere telefonato alla promoter per farla uscire di casa. Quindi l'avrebbe portata nel suo orto di Garbagnate e l'avrebbe colpita ripetutamente con un tubo di ferro fino a ucciderla. Clericò ha poi detto di averla fatta a pezzi usando un falcetto.  Successivamente l’avrebbe decapitata ormai “in preda a un raptus”, tornando in un secondo momento a prelevare il cranio della donna che aveva, dimenticato di seppellire e andare a gettarlo in un campo.

L'imputato piange

I suoi legali hanno raccontato che durante l'interrogatorio Clericò ha pianto e ha ricordato Marilena come "una persona buona". Non avrebbe quindi ucciso perché non in grado di restituire all’amica un prestito da 80mila euro ma "per lo stress derivante dalla pressante richiesta di denaro, che gli ha fatto sognare Marilena che voleva fargli del male”.

https://primamilanoovest.it/cronaca/marilena-re-svolta-caso-fermato-uomo/