blitz notturno

Una rosa e una carta funebre annunciano la “morte della maturità” FOTO

Cartelli della Rete Studentesca fuori dalle superiori di Legnano e Busto

Una rosa e una carta funebre annunciano la “morte della maturità” FOTO
Legnano e Altomilanese, 17 Giugno 2020 ore 16:55

Anche a Busto e Legnano come in molte città italiane la Rete Studentesca ha affisso nella “notte prima degli esami” un manifesto funebre a commiato della “morte della maturità”.

Una rosa e una carta funebre annunciano la “morte della maturità”

I militanti della Rete Studentesca nella sera di ieri, martedì 16 giugno, ch hanno affisso davanti all’Istituto “Tosi” di Busto Arsizio, Galillei di Legnano e Bernocchi di Legnano, una rosa con annessa locandina al fine di commemorare quella che hanno definito “una defunta maturità, la quale non avremo il piacere di affrontare quest’anno”.

“Un surrogato della maturità”

“La maturità, nata nel 1923 con la riforma Gentile, muore quest’anno, 2020, sotto la scure del ministro Lucia Azzolina, per tanto noi ci rifiutiamo di ritenerla tale.
Un esame inadeguato sul piano epidemiologico che mette a rischio la salute di docenti e alunni. Un esams che è stato più volte cambiato negli scorsi mesi, lasciando nella confusione totale i maturandi. Un esame sbilanciato che in un ora conterrà il 40 su 100 della valutazione complessiva di 3 interi anni di studio. Questo suggorato della maturità è stato, ed è una continua mancanza di rispetto nei confronti degli studenti, propinata con la sola scusante di essere un “fondamentale rito di passaggio.”
Rete Studentesca ritiene che nessuno studente riuscirà a riconoscere questo esame come “fondamentale rito di passaggio,” bensì come una colossale beffa alla propria dignità”.

4 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia