Menu
Cerca
Marcallo

Una rete capillare di defibrillatori per la sicurezza e la salute pubblica

Ecco dove sono stati posizionati dall'Amministrazione di Marcallo

Una rete capillare di defibrillatori per la sicurezza e la salute pubblica
Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 19 Gennaio 2021 ore 17:23

Il Comune di Marcallo con Casone mantiene alta l’attenzione sul tema della sicurezza e della salute
pubblica anche attraverso una capillare presenza sul territorio di postazione di defibrillazione con
dispositivi semiautomatici la cui importanza è sempre più strategica in quanto, come testimoniato
da molti studi a livello nazionale, questi strumenti permettono di ridurre sensibilmente il numero dei decessi annuali causati da arresto cardiaco sull’intero territorio italiano.

Una rete capillare di defibrillatori per la sicurezza e la salute pubblica

Nel corso degli anni l’Amministrazione Comunale ha sviluppato un progetto per la dislocazione di defibrillatori in punti strategici del territorio, in modo da garantire una uniformità di
copertura dell’intera popolazione e, allo stesso tempo, di presidiare i maggiori luoghi aggregazione
socio-culturale e sportiva.
Ecco i punti in cui sono attualmente ubicate le postazioni di defibrillazione a Marcallo e Casone:
1) Piazza Italia
2) Via Pasubio – sede US Marcallese
3) Via Machiavelli – Parco Madunina
4) Via Pasteur – Centro Pensionati
5) Via Al Donatore di Sangue – Palestra Comunale
6) Via Roma – Ambulatori Comunali
7) Piazza Bubry

E’ poi attiva una postazione di defibrillazione mobile gestita dal Comando di Polizia Locale.

L'arresto cardiaco

L’arresto cardiaco non dà segni premonitori e colpisce chiunque e dovunque. Il cuore smette di compiere la sua normale funzione di pompa, spesso a causa di una sopraggiunta aritmia chiamata fibrillazione ventricolare, e la persona cade a terra priva di vita. Se non si interviene entro i primi 5 minuti dall’arresto cardio-circolatorio somministrando una scarica elettrica al cuore attraverso l’utilizzo di un defibrillatore, le possibilità di salvezza per la persona colpita sono praticamente nulle.

TORNA ALLA HOME