Un successo la 46esima edizione del presepe vivente di Venegono

Ultimi giorni di rappresentazione per una tradizione che si ripete dal 1972.

Un successo la 46esima edizione del presepe vivente di Venegono
Saronno, 06 Gennaio 2018 ore 22:21

Con le feste natalizie torna il tradizionale  Presepe Vivente. Ultimi giorni per ammirarlo.

Presepe Vivente una passione che si ripete da 46 anni

Quest’anno i presepiatt hanno deciso di trasportare il pubblico seduto sugli spalti della Benedetta indietro nel tempo, nella Betlemme di duemila anni fa, per far rivivere la più tradizionale delle Natività, ma da un punto di vista totalmente nuovo. Protagonista “invisibile” della rappresentazione è infatti un vecchio bue, abbandonato dai suoi padroni perchè diventato ormai inutile. Un gruppo di bambini cercherà di salvarlo da un tragico destino (quello che lo avrebbe portato a morire di fame o per mano di un macellaio che vuole trasformarlo in bistecche), ma quando la sua soppressione sarà immanente troverà un nuovo scopo nel riscaldare il Bambino nato nella sua stalla.

Come sempre il racconto messo in scena dai presepiatt può avere diverse chiavi di lettura (il concetto di «inutilità» riferito ad un essere vivente, la capacità dei bambini di guardare la vita con occhi diversi da quelli degli adulti, ma anche la negatività dei pregiudizi che impediscono di accogliere chi si trova in difficoltà, non soltanto animali ma anche esseri umani). E’ forse questo il motivo del suo successo, che ogni anno attira Il visitatori anche da fuori provincia.

Il presepe vivente occasione di ritrovo

Oltre al valore della rappresentazione in sè, inoltre, il Presepe è anche in grado di riunire attorno ad una delle festività più importanti dell’anno l’intera comunità venegonese, coinvolgendo anche le nuove famiglie che si stabiliscono in paese e accogliendo nel migliore dei modi i nuovi nati.

Ultimi giorni di rappresentazione

Anche se il periodo delle feste sta per concludersi, c’è ancora tempo per vedere (o perchè no, rivedere) la rappresentazione: dopo le tre repliche dell’Epifania, domani, domenica, e il prossimo weekend (sabato 13 e domenica 14 gennaio) gli spettacoli si susseguiranno dalle 14.30 alle 17.30.