Treno bloccato, Trenord difende il suo operato

L'accusa: " "Forzate indebitamente le porte".

Treno bloccato, Trenord difende il suo operato
Cronaca Rhodense, 09 Maggio 2018 ore 14:23

Trenord si difende dopo la furia dei pendolari per il treno blocato sui binari. Questa mattina alle 8,55 il treno 10621 (Novara 8.18-Pioltello Limito 9:37) della linea S6 si è guastato tra le stazioni di Pregnana Milanese e Rho. "Trenord ha messo immediatamente in atto tutte le operazioni necessarie per il recupero del convoglio e per l’assistenza ai passeggeri", dice l'azienda.

Trenord si difende

L’aria condizionata a bordo treno era funzionante. Il capotreno, passando tra i vagoni ad informare i passeggeri del guasto, ha comunque provveduto ad aprire i finestrini delle carrozze, nella versione dell'azienda.

Accuse ai pendolari

"Mentre erano in corso le operazioni di recupero, verso le 9.30 alcuni viaggiatori – circa quindici – hanno indebitamente forzato le porte del convoglio, scendendo sulla massicciata. Questo ha causato l’immediata sospensione della circolazione sull’intera tratta per motivi di sicurezza, allungando di conseguenza le operazioni di soccorso del treno guasto e generando ulteriori ritardi sull’intera direttrice, a discapito dei clienti rimasti correttamente a bordo", accusa Trenord. La circolazione è ripresa a partire dalle ore 10.30.