Menu
Cerca
riconoscimento

Tra le attività storiche riconosciute da Regione Lombardia anche alcune delle nostre zone

Ci sono anche Casorezzo, Corbetta, Gudo Visconti, Legnano, Magenta e Vittuone.

Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 18 Marzo 2021 ore 11:13

Sono 117 le nuove attività storiche riconosciute da Regione Lombardia.

Tra le attività storiche riconosciute da Regione Lombardia anche alcune delle nostre zone

Sono 117 le nuove attività storiche riconosciute da Regione Lombardia, che si vanno ad aggiungere alle 2.118 imprese già iscritte all’elenco regionale ‘attività storiche e di tradizione’: 65 negozi storici, 28 locali storici e 26 botteghe artigiane storiche. Si arricchisce così l’elenco regionale delle attività storiche e di tradizione, che comprende in totale 2.234 imprese. Delle nuove, 12 sono nella provincia di Milano.

In Regione i negozi e locali storici sono riconosciuti dal 2004, nel 2019 inoltre è stata approvata una modifica alla legge regionale 6/2010 “Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere”. La riforma ha incluso anche le botteghe artigiane per riconoscere formalmente la rilevanza del patrimonio delle attività storiche. In particolare, l’obiettivo è di poterle sostenere in modo più efficace, portando a rango legislativo il percorso di valorizzazione messo in atto in precedenza.

Come avviene il riconoscimento

Il riconoscimento “attività storiche e di tradizione” viene concesso alle realtà caratterizzate dalla continuità nel tempo, per almeno 40 anni, della gestione, dell’insegna e della merceologia offerta, e da altri fattori, quali la collocazione in strutture di pregio e la conservazione di arredi e attrezzature storici.
Le imprese riconosciute possono partecipare a misure dedicate: fino al 3 maggio 2021 è aperto il bando Credito ora, che concede contributi per l’abbattimento del tasso di interesse applicato ai finanziamenti di istituti di credito per operazioni di liquidità.
Le attività storiche riconosciute hanno un sito web dedicato attivitastoriche.regione.lombardia.it: per ogni negozio, locale e bottega artigiana viene pubblicata una breve scheda descrittiva accompagnata dalle foto. Il sito è arricchito da news sulle storie delle attività e delle famiglie che si sono succedute alla loro guida per diverse generazioni.

Le parole dell’assessore Guidesi

“Anche quest’anno abbiamo riconosciuto nuove attività storiche lombarde. Sono realtà straordinarie che rappresentano un patrimonio economico e di tradizioni socioculturali dei nostri territori molto importante. È il saper fare lombardo, unico e incomparabile, che fa della Lombardia eccellenza nel mondo”.

Le attività riconosciute

Ecco le nuove attività riconosciute in provincia di Milano suddivise per comune:

MILANO: Bar Nilo (1969), Locale Storico, Storica Attività; Cappelleria L. Cabella (1924), Negozio Storico, Negozio Storico; Carbognin Fiori (1922), Negozio Storico, Storica Attività; Cartoleria Bonfioli
(1940), Negozio Storico, Negozio Storico e Castiglioni Roberto E Luigi (1972), Bottega Artigiana
Storica, Bottega Storica.

CASOREZZO: Merceria (1976), Negozio Storico, Storica Attività.

CORBETTA: Ferramenta Casalinghi (1943), Negozio Storico, Storica Attività.

GUDO VISCONTI: Trattoria Castello (1949), Locale Storico, Locale Storico.

LEGNANO: Oldrini (1976), Negozio Storico, Storica Attività.

MAGENTA: Rossoni (1980), Negozio Storico, Storica Attività.

SAN GIULIANO MILANESE: Commerciale Lem (1981), Negozio Storico, Storica Attività.

VITTUONE: Fagnani Fiori E Piante (1961), Negozio Storico, Storica Attività.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli