Menu
Cerca
Emergenza Covid

Tamponi per tutti alla Sant'Erasmo di Legnano

Finora la casa di riposo aveva potuto sottoporre a test solo 40 anziani, 16 dei quali erano risultati positivi. Intanto si è verificato un nuovo decesso per Coronavirus.

Tamponi per tutti alla Sant'Erasmo di Legnano
Cronaca Legnano e Altomilanese, 22 Aprile 2020 ore 16:42

Tamponi per tutti alla rsa Sant'Erasmo di Legnano.

Tamponi per tutti gli ospiti

"Siamo finalmente riusciti a ottenere il diritto di eseguire e processare i tamponi per tutti i nostri ospiti". Ad annunciarlo, mercoledì 22 aprile 2020, è la Fondazione Sant'Erasmo, gestore della casa di riposo di corso Sempione. La direzione fa sapere che conta di riuscire a eseguire i test entro venerdì e ad avere gli esiti forse già nella giornata di sabato. "Come sempre le famiglie saranno le prime a conoscerne gli esiti e successivamente renderemo noti i risultati anche gli organi di informazione" - assicura - Lo scorso 10 aprile avevamo effettuato i tamponi su un primo gruppo di 40 ospiti. Ora potremo procedere sugli altri e contestualmente eseguiremo anche il secondo tampone sul primo gruppo". Ricordiamo che l'esito dei primi 40 test aveva evidenziato 24 ospiti negativi e 16 positivi.

Un nuovo decesso per Covid-19

"Il numero totale degli ospiti attualmente presenti in rsa ammonta a 91 - proseguono dalla casa di riposo - Rispetto a una settimana fa la nostra comunità si è ridotta di altre tre unità: uno solo dei decessi è da imputare al Covid. Le 91 famiglie degli ospiti presenti in struttura sono costantemente informate sulla situazione interna. A questo riguardo vogliamo ringraziare le ragazze del nostro servizio animazione che quotidianamente curano i rapporti con i parenti dei nostri ospiti. Dall’inizio di marzo ad oggi le video-chiamate effettuate per mettere in contatto i nostri anziani con le loro famiglie sono state 250. Per coloro invece che accusano difficoltà di comunicazione abbiamo garantito le videoriprese (240). Numerose sono anche state le telefonate fra il servizio animazione e i parenti degli ospiti che hanno permesso di conservare un costante contatto e un utile scambio di informazioni. Ricordiamo inoltre che, nei casi di peggioramento dello stato di salute, il rapporto con i famigliari viene gestito direttamente dai medici che quotidianamente aggiornano sul decorso della malattia".

Quarantuno gli operatori in malattia

Altro aspetto cruciale della questione è la percentuale di assenze degli operatori, che si avvicina ormai al 46 per cento. "Per quanto concerne gli operatori dobbiamo purtroppo registrare la ricezione di ulteriori certificati medici: sono attualmente 41 gli operatori in malattia (21 dei quali ha fatto il tampone rilevando 13 casi di positività) e la percentuale di assenza rispetto all’organico-base supera il 46% - spiega la Fondazione Sant'Erasmo - Al fine di garantire la continuità e la qualità del servizio, la direzione ha deciso di chiudere uno dei sei reparti accorpando tutto il personale disponibile negli altri cinque (due di zona 'bianca' e due di zona 'rossa'). Le difficoltà maggiori, a livello di organico, riguardano gli infermieri. Rinnoviamo il nostro appello affinché chiunque avesse titoli e disponibilità per svolgere tale professione possa valutare con favore la possibilità di venire in soccorso della nostra Fondazione".

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE