Cronaca
Un brutto episodio

"Sua figlia ha avuto un incidente", invece era una truffa

La protagonista di questa storia è una bollatese di 75 anni.

"Sua figlia ha avuto un incidente", invece era una truffa
Cronaca Bollatese, 17 Settembre 2022 ore 12:00

"Sua figlia ha avuto un incidente", invece era una truffa. La protagonista di questa storia è una bollatese di 75 anni.

Tornano i truffatori al telefono

Questa volta ad aver la peggio è stata un’anziana di 75 anni che ha pensato che la figlia fosse in serie difficoltà: così ha assecondato i malviventi e ha consegnato loro il denaro.
Ha ricevuto una telefonata alla cornetta e lo spavento è stato troppo per poter supporre che si trattasse di una truffa. "Sua figlia ha avuto un incidente", si è sentita dire al telefono.

"Sua figlia ha avuto un incidente"

Tante fandonie per farle credere che l’unico modo per aiutare la figlia fosse mandarle del denaro. Il panico del momento non ha permesso di sfondare il muro di bugie al quale è stata sottoposta la bollatese.  E’ per questo che in fretta e furia ha raccolto i soldi contanti che aveva a disposizione e ha aspettato qualcuno che li venisse a prenderle, perché la figlia, ovviamente, non poteva.

Poi le ha telefonato

E’ solo dopo aver consegnato il denaro che l’anziana ha riflettuto con più attenzione. Così, ha composto il numero della figlia e ha provato a telefonarla. Purtroppo (o per fortuna) la figlia non aveva subito alcun incidente e stava benissimo. Si è trattato dell’ennesima truffa agli anziani.

Mai dare soldi o oro a sconosciuti

Era un po’ di tempo che non si verificano in città, ma sembrerebbe che questi malviventi siano tornati alla carica per prendere in giro le persone più fragili. L’obiettivo è solo e semplicemente appropriarsi di denaro o oro, mai di aiutare. Nessuno vi chiamerà mai a casa o proverà a bussarvi alla porta per chiedervi denaro per un caro in difficoltà. Ci vuole sangue freddo e consapevolezza: si tratta solo di una truffa.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter