Strage di Motta, Lissi rinuncia all’Appello: “E’ giusto che io sconti l’ergastolo”

Strage di Motta, Lissi rinuncia all’Appello: “E’ giusto che io sconti l’ergastolo”
27 Gennaio 2017 ore 09:03

Carlo Lissi rinuncia all’appello: l’informatico di Motta Visconti che nel luglio del 2014 uccise la moglie Cristina Omes ed i loro figlioletti Giulia, 5 anni, e Gabriele, 20 mesi, ha scritto alla Corte d’Appello di Milano dal carcere di Pavia affermando di ritenere giusto l’ergastolo per il delitto che ha commesso. Lissi ha anche chiesto scusa ai giudici per la “perdita di tempo”. Una mossa a sorpresa e che non lascia margine al suo legale difensore. Lissi ha depositato la sua “richiesta di rinuncia, considerando congrua la condanna inflittami in primo grado e scusandomi per la perdita di tempo. Fiducioso in un favorevole accoglimento, porgo i più distinti saluti”.


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia