Sindaci dell'Alto Milanese

Sport a porte chiuse e solo per preparare competizioni

Ma l'invito è di "limitare al massimo l'attività di atleti in età scolare".

Sport a porte chiuse e solo per preparare competizioni
Cronaca Legnano e Altomilanese, 02 Marzo 2020 ore 18:17

Sport a porte chiuse "finalizzato alla preparazione di eventi e competizioni". E' quanto emerge dalle nuove indicazioni della Conferenza dei sindaci dell'Alto Milanese, che lunedì 2 marzo 2020 si è riunita in Comune a San Giorgio su Legnano per recepire le nuove norme dettate dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri di domenica 1.

Sport a porte chiuse

Il decreto presidenziale prevede, al punto 2.1.a la "sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, sino all'8 marzo 2020, in luoghi pubblici o privati. Resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento, all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, nei comuni diversi da quelli di cui all'allegato 1È fatto divieto di trasferta dei tifosi residenti nelle regioni e nelle province di cui all’allegato 2 per la partecipazione ad eventi e competizioni sportive" e al punto 2.3.a la "sospensione delle attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, centri culturali, centri sociali, centri ricreativi".
"E' quindi consentito esclusivamente allenamento a porte chiuse finalizzato alla preparazione di 'eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina'" spiegano i sindaci del territorio. La posizione del Patto dei sindaci dell'Alto Milanese è che, "in linea con l'obiettivo generale di ridurre le condizioni di propagazione del virus, l'attività sportiva sia strettamente connessa alla preparazione e disputa di 'competizioni'". "Considerata inoltre la sospensione dell'attività didattica", i sindaci del territorio consigliano "a famiglie e società sportive di limitare al massimo l'attività di atleti in età scolare".

Biblioteche aperte solo per i prestiti

Mentre per i centri culturali, sociali e ricreativi è confermata la chiusura, le biblioteche potranno riaprire "limitatamente al servizio di prestito, con accesso singolo".

Nessun vincolo di orario per bar e pub

"No vi è più alcuna limitazione di orario ma resta in vigore la limitazione al solo servizio da svolgere al tavolo con l'obbligo di mantenere la distanza di almeno un metro".

Negozi e attività commerciali

Il decreto del presidente del Consiglio dei ministri prevede al punto 2.1.i l'"apertura condizionata all'adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro tra i visitatori".

Rsa

Il decreto prevede al punto 2.1.k la "rigorosa limitazione dell'accesso dei visitatori agli ospiti nelle residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti", i sindaci invitano pertanto "ad attenersi strettamente alle indicazioni date dalla direzione della struttura".

Misure igieniche

La Conferenza dei sindaci del territorio raccomanda infine di rispettare le misure igieniche prescritte all'allegato 4 del decreto del presidente del Consiglio: lavarsi spesso le mani ("Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani"); evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce; non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico; pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate".

 

TORNA ALLA HOME PAGE E LEGGI TUTTE LE NOTIZIE