Menu
Cerca
milano

Spacciava nella sala biliardo: allontanato per due anni da tutti i bar della città

La misura di prevenzione del "Divieto di Accesso alle Aree Urbane" che è stata applicata per la prima volta a Milano nei confronti di uno spacciatore

Cronaca Milano città, 07 Aprile 2021 ore 13:25

Il Questore di Milano, a seguito dell’attività istruttoria svolta dalla Divisione Anticrimine, ha emesso per la prima volta un provvedimento di “Divieto di Accesso alle Aree Urbane” a carico di uno spacciatore. L’uomo, classe ’87, era stato arrestato lo scorso marzo dagli agenti del Commissariato “Lorenteggio” per avere venduto della droga a due clienti all’interno della sala biliardo di un bar in zona Quinto Romano.
In quell’occasione gli agenti, accertata l’avvenuta compravendita della sostanza stupefacente, avevano colto lo spacciatore mentre contava delle banconote ed, effettuando una perquisizione, avevano trovato undici  involucri in cellophane termosaldato con 3 grammi di cocaina, nascosti in una buca di un tavolo da biliardo, nonché, in un’intercapedine dello stesso, un involucro in stagnola con 8 grammi di marijuana.

Spacciava nella sala biliardo: allontanato per due anni da tutti i bar della città

Il Questore ha quindi deciso di vietare all’uomo di accedere e di avvicinarsi ai bar, ai caffè, e ad altri locali simili, presenti nel territorio del comune di Milano. La durata del divieto è di due anni, e la
violazione è punita con la pena della reclusione da sei mesi a due anni, nonché con la multa da 8mila a 20mila euro.

Il “Divieto di Accesso alle Aree Urbane”

La misura di prevenzione del “Divieto di Accesso alle Aree Urbane” che è stata applicata per la prima volta a Milano nei confronti di uno spacciatore rappresenta un importante strumento a tutela
della sicurezza urbana, volto a garantire la tranquillità e la legalità nelle aree cittadine più sensibili, e in particolare nelle zone limitrofe a scuole, università e locali pubblici e aperti al pubblico.
Tali aree possono essere così restituite ai cittadini, prevenendo quelle condotte che ne impediscono l’accessibilità e la fruizione, quali ad esempio il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti,
soprattutto nelle zone frequentate abitualmente dai più giovani.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli