Menu
Cerca

Siringhe e fazzoletti sporchi di sangue, la protesta di una mamma FOTO

Ritrovati nel parcheggio di via Asiago a Cerro Maggiore. "Qualcuno faccia qualcosa"

Siringhe e fazzoletti sporchi di sangue, la protesta di una mamma FOTO
Cronaca Legnano e Altomilanese, 02 Novembre 2019 ore 10:41

Siringhe e fazzoletti sporchi di sangue nel parcheggio di via Asiago a Cerro Maggiore, le preoccupazioni di una mamma.

Siringhe e fazzoletti sporchi di sangue

Tutto abbandonato a terra nel parcheggio di via Asiago di Cerro Maggiore (zona del campo sportivo). E la nostra lettrice ci ha mandato fotografie e il suo sfogo: "Sono una cittadina di Cerro Maggiore, molto preoccupata per la situazione che ora vi illustrerò. Sono mamma e proprietaria di due cani, abito zona PalaCea-Via Asiago e aree verdi limitrofe, e ogni giorno, più volte al giorno, scendo con i miei cani e mio figlio a fare delle passeggiate nella zona verde intorno al campo sportivo. Da qualche giorno, come potrete vedere dalle foto che allego, alcune persone hanno deciso che la zona, essendo un po' isolata, è ideale per andare a drogarsi. Sono state abbandonate nell'area diverse siringhe e fazzoletti sporchi di sangue. Ho provveduto a segnalare prontamente la cosa in Comune di Cerro Maggiore tramite il portare segnalazioni, ma non ho ricevuto risposta. Chiamando i Vigili e i Carabinieri, la risposta è che i vigili dopo le 19 non lavorano (si presume che queste persone si addentrino nella zona al calar del sole), mentre i Carabinieri dicono di segnalare solo se si vedono macchine sospette ferme nell'area, in caso contrario non possono fare nulla".
LE FOTO:

4 foto Sfoglia la gallery

La cerrese prosegue: "Ora, io penso che un'attività preventiva di controllo e pattugliamento, dovrebbe essere la prima cosa da attuare in questa situazione, che sta degenerando e ogni giorno più si trovano rifiuti pericolosi. Inoltre, l'area vede il passaggio di molti bambini/ragazzi che si recano al campo sportivo per allenamenti. Motivo in più che dovrebbe spingere ad un'azione da parte delle forze dell'ordine. Potete dare visibilità alla storia, in modo che eventualmente l'Amministrazione si decida a fare qualcosa prima che sia troppo tardi?".

TORNA ALL'HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE