Si parla di gender con Le rose di Gertrude di Prato

"Sfatiamo i falsi miti".

Si parla di gender con Le rose di Gertrude di Prato
15 Gennaio 2018 ore 15:55

Nello scorso mese di novembre è partito da Roma il tour nazionale delle conferenze “Di cosa parliamo quando parliamo di gender”, riflessioni sui generi proposte da Cammini di Speranza, l’associazione italiana delle persone LGBTI cristiane, a partire dal libro «Il genere di Dio» di Selene Zorzi.  Sabato 20 gennaio 2018 terza tappa a Magenta accolta ed organizzata dall' Associazione Le Rose di Gertrude.

La fobia gender

"Da qualche anno nella società sta serpeggiando una nuova fobia, quella relativa alla cosiddetta teoria del gender. Su questo tema si è scritto tanto, spesso anche con toni accesi e non corretti, tanto da diventare una battaglia ideologica e anche politica che ha rischiato di inquinare il lavoro che, oramai da anni, si sta facendo a vari livelli per la lotta alle discriminazioni, per la prevenzione del bullismo e la valorizzazione delle differenze, l’abbattimento degli stereotipi e dei pregiudizi anche per la scelta dei percorsi di studio e delle carriere accademiche e professionali. Come Associazione abbiamo deciso di proseguire il percorso di riflessione ed approfondimento iniziato lo scorso anno con il tema: "La questione gender: cos'è e cosa non è " aiutati da un Teologo e uno Psicoterapeuta", spiega Sergio Prato, numero uno dell'associazione maegntina.

Il programma

Il prossimo appuntamento si svolgerà sabato 20 gennaio 2018 alle ore 16 presso Sala Galli entrata dal Municipio in Piazza Formenti,3 a Magenta. E' invitata la cittadinanza ed è gradita la partecipazione delle autorità locali.  "L' Associazione Le Rose di Gertrude, da sempre attiva sul territorio, si propone di combattere ogni forma di discriminazione attraverso la conoscenza dei fenomeni e delle persone, lo scambio di esperienze personali e la testimonianza concreta e diretta sul territorio.  Desideriamo ringraziare la Teologa Selene Zorsi e l' Associazione Cammini di Speranza che con la Loro disponibilità hanno reso disponibile quest' evento" chiosa Prato..