Settimo calcio piange Antonio Magnaghi

Si è spento per malattia a 74 anni dopo un lungo ricovero all’ospedale San Raffaele di Milano.

Settimo calcio piange Antonio Magnaghi
Cronaca Rhodense, 31 Dicembre 2017 ore 08:30

Cordoglio in città per la scomparsa di un uomo conosciuto e stimato da tutti. Stiamo parlando di Antonio Magnaghi.

Settimo calcio in lutto

Settimo calcio in lutto per la scomparsa di Antonio Magnaghi. Grande sostenitore dell’Unione sportiva gioco calcio Settimo Milanese della quale, negli anni, è stato giocatore, allenatore, dirigente sportivo e insostituibile factotum. Magnaghi, 74 anni, si è spento per malattia dopo un lungo ricovero all’ospedale San Raffaele di Milano.

Il ricordo di Pompeo Re

A ricordarlo con affetto e commozione è l’amico Pompeo Re, presidente onorario della società sportiva cittadina.

"Antonio era una persona disponibile, seria, rigorosa ma nel contempo conciliante - afferma Re, tra i fondatori del Settimo Milanese calcio proprio insieme a Magnaghi -. Dal 1978 al 2000 ha dato tutto se stesso per la squadra, poi aveva fatto un passo indietro, non per disaffezione ma per il sopraggiungere di un amore più grande: quello per i suoi nipotini, per i quali è stato un nonno splendido".

Lavorava nel settore farmaceutico

Dipendente di una ditta farmaceutica prima a Milano e poi a Firenze, in seguito imprenditore nello stesso settore, Magnagi era sposato e padre di due figli, che l’avevano reso nonno più volte.

"A lungo è stato il mio preziosissimo numero 2 - ricorda ancora Re -, quando ancora la squadra si chiamava Novella. Poi è stato artefice con me di due fusioni, prima con la Polisportiva Settimo Milanese poi con il Seguro calcio. Sentiremo tutti la sua mancanza".