Menu
Cerca
SUCCEDE A BOLLATE

Scuole superiori sorvegliate speciali: oltre 200 studenti negativi al Covid

234 prelievi effettuati al liceo Primo Levi e nessuno è risultato positivo al virus. Ora manca solo il completamento dell'opera

Scuole superiori sorvegliate speciali: oltre 200 studenti negativi al Covid
Cronaca Bollatese, 14 Maggio 2021 ore 11:17

Scuole superiori sorvegliate speciali: oltre 200 studenti negativi al Covid al liceo Primo Levi di Bollate. Sono gli esiti dei primi tamponi molecolari somministrati.

Continua il progetto di sorveglianza

Continua la sorveglianza sierologica e molecolare dell’infezione da SARS-CoV-2 nelle scuole superiori di Bollate, sono arrivati i risultati dello screening effettuato lo scorso mercoledì 12 maggio al Primo Levi.

Ecco gli esiti: tutti negativi

Dei 234 prelievi effettuati, in particolare, sono stati analizzati 232 tamponi salivari con metodo molecolare (2 sono stati esclusi per mancanza del consenso informato). Tutti i campioni sono risultati negativi; 3 campioni (l’1.3%) sono risultati non idonei e quindi considerati invalidi.

Ma il progetto non si ferma

I prossimi appuntamenti saranno il 17, 19 e 24 maggio quando gli studenti del Levi e dell’Erasmo che hanno aderito continueranno il doppio screening con il tampone salivare e con il test sierologico con l’obiettivo di proseguire il monitoraggio sulla popolazione scolastica e assicurare una presenza sicura in classe. Ad effettuare lo screening nelle scuole superiori di Bollate, lo ricordiamo, sono gli studenti dell’ITCS Primo Levi, indirizzo Biotecnologie Sanitarie, formati ad hoc dai ricercatori della Statale. Sono loro a presentare il progetto ai compagni di scuola e a guidarli nell’esecuzione dei test.

Sorvegliate anche elementari e medie

Intanto, prosegue la sorveglianza attiva nelle scuole elementari e medie. Ogni settimana, in 3 classi elementari e medie a campione (una per ogni istituto comprensivo), verranno effettuati, fino alla fine della scuola, tamponi salivari al fine di monitorare settimanalmente l’andamento del virus e continuare a garantire la sicurezza a scuola.