Pogliano Milanese

Scende in cortile e inizia a suonare: la storia di Dario

"Magari la prossima volta mi esibirò non solo col piano, ma anche con la tastiera"

Cronaca Rhodense, 01 Aprile 2020 ore 11:12

Scende in cortile e inizia a suonare: la storia di Dario Fasci, 36 anni, musicista poglianese, che domenica a improvvisato un concerto nel suo palazzo di via Lainate.

Scende in cortile e inizia a suonare

"La mia non é stata un’infanzia facile. Avevo delle sfumature di autismo: non giocavo e la musica é stata l’esplosione di tutto". Queste alcune parole del poglianese Dario Fasci. Lui, 36 anni, musicista, domenica é sceso nel cortile del suo palazzo in via Lainate: e ha iniziato a suonare. "L’idea mi é venuta su consiglio di mio padre che mi ha detto: ‘Facciamo passare un’ora di gioia alla gente che é in quarantena!’", ha spiegato il ragazzo.

L’esibizione e l'obiettivo

"Ho messo giù una scaletta, sono uscito per cominciare: pieno di energia. E adrenalina. Erano le 16,15. Fino alle 17 passate ho suonato col piano: brani classici, moderni, jazz, swing. L’ho fatto perché comunque sono stato d’accordo con mio papà: é giusto aprire una parentesi di allegria in questo periodo della paura per l’emergenza del Coronavirus. La musica non si ferma mai: la musica emoziona! Ho visto che chi ha sentito é rimasto soddisfatto. Gli é piaciuto: ascoltare é molto importante, soprattutto adesso. Io sono abituato ad avere le persone intorno quando mi esibisco: e in quest’occasione tutto mi é sembrato strano. Il suono del pianoforte é arrivato dentro alle case del quartiere della frazione Bettolino.  I brani hanno effetti diversi sulle persone: dipende dal ritmo. E noi abbiamo bisogno di musica. ‘Bohemian Rhapsody’ dei Queen, ‘Over the rainbow’ sono alcuni pezzi: un’alternativa all’Inno d’Italia o al Và pensiero cantati in questi giorni".

Infine la passione

"Ho iniziato a studiare quando avevo sei anni. Il mio amore per la musica é nato da lì: mi ha rapito. E oggi continuo a suonare. Per chi volesse rivedere l’esibizione di domenica l’ho caricata sul profilo Facebook (basta scrivere il mio nome e cognome)". Ci sarà un bis? "Sì. Avrei in mente di riproporre. Magari la prossima volta non solo col piano ma anche con la tastiera: voglio fare più movimento!".

Torna alla home