VILLA CORTESE-BUSTO GAROLFO-ARCONATE

Ruba una borsa a una 64enne che poi lo insegue: preso

L'uomo aveva scippato la donna ed era stato preso; è stato riconosciuto l'autore anche di una rapina e furti con destrezza

Cronaca Legnano e Altomilanese, 20 Agosto 2021 ore 12:16

Ruba una borsa a una donna ucraina di 64 anni: nei guai un uomo che aveva colpito a Busto Garolfo, Villa Cortese e Arconate.

Ruba la borsa a una 64enne, preso

Ne aveva fatte un po' di tutti i colori: rapina, furti con destrezza e anche furto di bici. Ma è stato arrestato dai Carabinieri. E' successo nel pomeriggio del 18 agosto 2021, intorno alle 16: i Carabinieri della Stazione di Busto Garolfo sono arrivati a Villa Cortese per arrestare un 43enne italiano, residente proprio a Villa Cortese, celibe e disoccupato, in esecuzione a un ordine di carcerazione per per il reato di rapina (messa a segno a metà giugno ad Arconate, dove si era impossessato della borsa di una donna con minaccia) emesso il 17 agosto 2021 del Gip del Tribunale di Busto Arsizio.

I fatti

L'uomo era già stato arrestato in flagranza per furto con destrezza il 21 giugno 2021 quando, intorno alle 14.40, in via Tagliamento a Busto Garolfo, si era impossessato della borsa di una una ucraina di 64 anni, borsa che si trovava nel cestino anteriore della bici. E la donna si era messa anche ad inseguire il 43enne, chiedendo al tempo stesso l'intervento delle Forze dell'Ordine e fornendo una descrizione del fuggitivo e del bottino. L'uomo era stato rintracciato dopo meno di 10 minuti, a circa un chilometro dal luogo del furto: con sè aveva ancora il cellulare e il denaro contenuti nella borsa (gettata a terra) della vittima.
Dalle indagini svolte dai militari, il 43enne è stato ritenuto responsabile di una serie di altri reati: per la precisione, di una rapina commessa a metà giugno, dello scippo di una donna, del furto di una bici e di altre tre furti con destrezza avvenuti tutti tra la fine di giugno e la prima decade di luglio a Busto Garolfo e Arconate.
L'uomo è stato condotto nel carcere di Busto Arsizio a disposizione dell'Autorità giudiziaria.