Riunione dei delegati regionali CAI per la sezione Lombardia

Si è tenuta domenica 19 novembre a Bollate l’Assemblea Regionale dei Delegati CAI della Regione Lombardia. Oltre 120 delegati delle sezione lombarde.

Riunione dei delegati regionali CAI per la sezione Lombardia
Cronaca 20 Novembre 2017 ore 18:54

Riunione dei delegati regionali CAI per la sezione Lombardia a Bollate.

La riunione dell'Assemblea Regionale dei Delegati CAI

Si è tenuta domenica 19 novembre a Bollate l’Assemblea Regionale dei Delegati CAI della Regione Lombardia. Oltre 120 delegati delle sezione lombarde si sono dati appuntamento al Cine- teatro Splendor per discutere un Ordine del giorno alquanto ricco e per eleggere diverse figure rappresentative all’interno del sodalizio. Dopo i saluti del presidente della sezione del CAI Bollate Cesare Ghezzi, dell’assessore alla Cultura Lucia Albrizio e del presidente del Parco Groane Roberto Della Rovere, ha preso la parola Vincenzo Torti, presidente generale del Club Alpino Italiano, che ha offerto una veloce panoramica dell’associazione. Oggi, il CAI conta circa 317.000 soci sul territorio nazionale (circa 87.000 in Lombardia) e il numero è in crescita rispetto allo scorso anno. Dei nuovi 5900 soci registrati iscritti nel 2017, circa il 25% proviene dalle sezioni della Lombardia, a testimonianza di un buon lavoro svolto dalle sezioni nel corso degli ultimi anni.

Le principali istanze

Tra le principali istanze emerse nel corso della relazione tenuta dal presidente regionale Renato Aggio, è emersa la necessità per il CAI di lavorare di più e meglio sulla comunicazione, sia interna che esterna, anche al fine di migliorare ulteriormente la percezione positiva che le giovani generazioni hanno del sodalizio. Da un’indagine Ipsos condotta su un largo campione di giovani soci e non soci, il CAI viene infatti percepito come brand che promuove quei valori positivi e a rischio “estinzione” legati alla vita in mezzo alla natura e la montagna viene vista soprattutto come un luogo dove abbandonare lo stress della città.

I futuri progetti

Tra i progetti di cui si è parlato nel corso dell’assemblea, ricordiamo il CamminaItalia, uno dei percorsi di trekking più lunghi del mondo e presente sul nostro territorio nazionale, che conta oltre 6000 km di sentieri e che presto troverà il suo completamento con l’aggiunta dei percorsi delle regioni Puglia e Val d’Aosta. Un altro progetto di largo respiro è inoltre il Catasto Nazionale dei sentieri, un archivio a livello nazionale per valorizzare e tenere traccia dell’intero patrimonio sentieristico italiano. È stata ancora una volta sottolineata l’importanza del coinvolgimento delle nuove generazioni, sia attraverso le attività di alpinismo giovanile, sia attraverso appositi programmi di formazione per giovani dirigenti, che necessitano di essere valorizzati. E a proposito di alpinismo giovanile, non è mancata la presenza di una nutrita fetta della sezione bollatese: in apertura dei lavori, una trentina di ragazzi è salita sul palco, anche per mandare i propri saluti e gli auguri di veloce guarigione al Consigliere e Accompagnatore AG Enzo Bonfanti. Il pranzo dei delegati presso la sala Donadeo dell’oratorio e l’elezione di una serie di nuove cariche hanno concluso la giornata. Al presidente nazionale Vincenzo Torti è stato fatto dono di un quadro del pittore bollatese Paolo Fabbro, che sarà esposto nelle sale del CAI Milano.