Riccio bruciato vivo, gli animalisti: "Dalle segnalazioni, sono stati minorenni"

Dopo a taglia da 500 euro, le prime segnalazioni all'associazione Centopercentoanimalisti: "Sembra siano stati dei minorenni locali".

Riccio bruciato vivo, gli animalisti: "Dalle segnalazioni, sono stati minorenni"
Cronaca Saronno, 26 Maggio 2018 ore 14:29

L'associazione animalista Centopercentoanimalisti interviene dopo la notizia del barbaro gesto ai danni di un riccio bruciato vivo a Saronno.

Riccio bruciato vivo, "situazione delicata"

Ha destato non poca indignazione la notizia di un riccio bruciato vivo ieri, a Saronno. Tanto che sempre l'associazione Centopercentoanimalisti ieri aveva messo una taglia di 500 euro sull'identità degli aguzzini. "A tempo di record abbiamo ricevuto una decina di segnalazioni, alcune conducono alla stessa strada. Sembra che i responsabili del brutale gesto nei confronti del povero Riccio bruciato vivo, siano minorenni locali, giocano a calcio nelle giovanili". "La situazione è delicata - continuano dall'associazione -  in Veneto Centopercentoanimalisti collabora in questi casi con le forze dell’ordine. Nel Saronnese in passato abbiamo notato che l’autorità competente se ne frega del benessere degli Animali, la sagra di sant’Antonio Abate è un esempio. Entro la  fine della prossima settimana probabilmente  avremo qualche certezza e agiremo di conseguenza. Previsto un incontro con i nostri legali. Ribadiamo che un gesto simile non può essere tollerato e faremo di tutti per rendere giustizia a quel povero Animale che ha avuto la sfortuna di incontrare quei piccoli ma grandissimi bastardi".