Rho: “Bagni della stazione ancora chiusi, faremo la pipì in strada”

Rho: “Bagni della stazione ancora chiusi, faremo la pipì in strada”
Rhodense, 09 Agosto 2020 ore 11:00

I taxisti di Rho protestano per la chiusura dei bagni pubblici

Disagio segnalato più volte all’amministrazione comunale

Perché i bagni della stazione rimango tutt’ora chiusi?» Questo è quello che probabilmente si sono chiesti tanti tassisti di Rho in questi mesi. I servizi igienici della stazione di Rho, sono inutilizzabili da mesi, parte la rivolta dei tassisti.  Un disagio importante da sottolineare all’amministrazione che da mesi sembra non curarsi del fatto.

I taxisti: “Vorremmo una risposta dal Comune”

Di fatto non ci sono state comunicazioni in merito alla riapertura dei bagni. Rimane quindi un punto di domanda e molto disappunto. «Ora noi autisti vorremmo sapere come facciamo ad espletare i nostri bisogni, visto che non abbiamo un luogo idoneo, dovemmo farla in strada? – scrive indignato in un post di Facebook Giorgio Scaglioni, conducente di taxi – Vorremmo una risposta dal comune, sarebbe ora di riaprire le toilette per tutti coloro che ne hanno bisogno ». Il problema non è quindi rimasto inosservato dalla comunità, che si trova in mancanza di un bene necessario in un punto di passaggio, quale la stazione ferroviaria.

Chiusi per il Coronavirus e mai riaperti

Come riportato nel cartello affisso davanti alla porta dei servizi, questi sono stati chiusi a causa dell’emergenza Coronavirus, per prevenirne la diffusione appunto. Ma l’annuncio non arriva dagli uffici comunali, bensì da Ferrovie dello Stato, che infatti compare sul cartello.  L’ordine è stato emanato dunque dai quartieri generali della società.
Ovviamente è comprensibile che vengano adottate tutte le adeguate misure anti Covid, ma per chi si muove con i mezzi pubblici o per chi lavora nelle prossimità del luogo, la questione va risolta, per garantire il benessere di tutti i rhodensi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia