inveruno-magenta

Rapinatore del Conad arrestato grazie ad un tatuaggio sul collo

La rapina era avvenuta il 12 maggio scorso al Conad di Inveruno. In manette un 32enne di Magenta.

Rapinatore del Conad arrestato grazie ad un tatuaggio sul collo
Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 14 Gennaio 2021 ore 13:34

Ieri sera, mercoledì 13 gennaio, i Carabinieri della sezione operativa del N.O.R. della Compagnia di Legnano, insieme ai colleghi di Abbiategrasso, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Milano su richiesta della Procura del Capoluogo, a carico di un 32enne, residente a Magenta, pregiudicato, responsabile della rapina a mano armata avvenuta il 12 maggio scorso al supermercato Conad di Inveruno.

Rapinatore del Conad arrestato grazie ad un tatuaggio sul collo

Gli accertamenti, grazie alla visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza e la raccolta delle informazioni dai testimoni, hanno consentito di circoscrivere il raggio dei possibili autori e, con il confronto di un particolare rilevato dalle telecamere che ritraeva un tatuaggio a forma di croce sul collo, a raccogliere forti elementi indiziari a carico dell’arrestato. Riscontro finale circa la sua identità è stato il confronto del DNA con delle tracce biologiche lasciate su un mozzicone di sigaretta rinvenuto sul luogo del fatto, lasciato dall’uomo nei pressi di una panchina prima dell’ingresso nel supermercato, quando aveva inoltre confidato ad uno sconosciuto quello che di lì a poco avrebbe fatto, promettendogli del denaro una volta compiuta la rapina. Era il 12 maggio 2020 quando, intorno alle 7, l’uomo con indosso una mascherina, è entrato armato di pistola al Conad di Inveruno e si è fatto così consegnare l’incasso, circa 350 euro. Effettivamente, una volta uscito, l’uomo aveva lanciato, in direzione dello sconosciuto, che incredulo ed incolpevole ancora sedeva sulla stessa panchina, due banconote da 5 euro parte del bottino della rapina, per poi allontanarsi.
Al termine delle formalità di rito l’uomo è stato condotto presso Casa Circondariale di Milano “San Vittore” a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

TORNA ALLA HOME

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità