Menu
Cerca
Canegrate

Rapina con accoltellamento al Beerbanti: uno dei responsabili è libero. L'amarezza del titolare ferito

Il fatto era accaduto la notte di Capodanno 2016, Giuseppe Cozzi aveva rischiato al vita: "Ora voglio giustizia"

Rapina con accoltellamento al Beerbanti: uno dei responsabili è libero. L'amarezza del titolare ferito
Cronaca Legnano e Altomilanese, 23 Gennaio 2021 ore 12:08

Rapina con accoltellamento al Beerbanti: uno dei tre malviventi che aveva aggredito e accoltellato uno dei titolari del ristorante di Canegrate la notte di Capodanno 2016 è libero.

Rapina con accoltellamento al Beerbanti

I termini per la custodia cautelare sono caduti, così ora è libero. Stiamo parlando dell'uomo, di origini moldave, che insieme ad altri tre avrebbe aggredito e accoltellato Giuseppe Cozzi, uno dei titolari del noto ristorante Beerbanti di Canegrate, fatto avvenuto la notte di Capodanno 2016.
Nell'udienza preliminare svoltasi in questi giorni, l'avvocato difensore dell'uomo ha infatti avanzato la richiesta di scarcerazione del suo assistito. Il motivo? Sarebbero scaduti i termini della custodia cautelare. Il moldavo, che era fuggito in Francia, Moldavia e Russia era stato arrestato nel 2019. La richiesta è stata accettata dal Gup: l'uomo è quindi ora libero, in attesa del processo (per lui divieto di espatrio e obbligo di firma dai Carabinieri e vive a Castellanza da familiari). L'udienza preliminare è fissata per il 2 marzo 2021.

L'amarezza del titolare aggredito

La notizia della rimessa in libertà di quello che sarebbe stato uno dei suoi aggressori, è stata presa con sgomento da parte di Cozzi, il titolare che quella notte è stato picchiato, ferito gravemente con un coltello e trascinato per le scale del locale: "Quando ho saputo la notizia della sua rimessa in libertà mi è crollato il mondo addosso - commenta Giuseppe Cozzi - Fisicamente sto meglio, ma mentalmente quei momenti sono sempre con me. Cosa spero? Che sia fatta giustizia".