Quasi 50 anni nell'Arma, pensione per il Luogotenente Notaro

Una lunga carriera per l'uomo dei carabinieri che nel 2005 aveva ricevuto un encomio semplice per l'operazione "Bestie di Satana". Da oggi sarà in pensione.

Quasi 50 anni nell'Arma, pensione per il Luogotenente Notaro
Saronno, 20 Agosto 2018 ore 16:56

Il Luogotenente Giuseppe Notaro spegne oggi 65 candeline, raggiungendo la pensione.

Pensione per il Luogotenente Notaro

Nato a Pollica, il Luogotenente dei carabinieri Giuseppe Notaro ha raggiunto oggi (20 agosto) i 65 anni d'età e anche il limite massimo di età per la permanenza in “ausiliaria”, posizione nella quale era stato collocato cinque anni fa. Per lui, 47 anni e 6 mesi di servizio nell'Arma dei carabinieri. In questi giorni, il saluto nella sede del Comando Provinciale di Varese da parte del Comandante Provinciale, il colonnello Claudio Cappello, e di una folta rappresentanza dei militari di ogni ordine e grado. Occasione per loro di attestargli  la stima e la riconoscenza per i risultati conseguiti ed il rendimento costantemente offerto nei lunghissimi anni di carriera militare al servizio del cittadino.

Chi è il Luogotenente Notaro

Nato come detto a Pollica, il Luogotenente Notaro si è arruolato il 10 febbraio del 1971. Dopo la frequenza della Scuola Allievi di Roma nell’ottobre dello stesso anno viene destinato al 1° Battaglione Sicilia a Palermo con il grado di Carabiniere. Il giorno seguente viene trasferito alla prima Compagnia Fucilieri Controcarro di Gorizia. Nel 1973 trasferito al quarto battaglione di Mestre e nel 1976 alla Stazione di Vobarno (BS), entrando nello stesso anno al Nucleo Radiomobile di Brescia. Nel 1978 viene ammesso alla frequenza della Scuola Sottufficiali, nelle sedi di Velletri e Firenze e nel 1980, promosso Vice Brigadiere, viene destinato alla Stazione di Varese. Da qui, nel 1981 sarà trasferito alla Stazione di Azzate e nel 1982 alla Stazione di Mornago. Nel 1989 entra nella  Squadra di PG di Busto Arsizio, poi divenuta Sezione di PG. Poi nel 2000 viene trasferito al Nucleo Operativo (nel tempo divenuto Investigativo) di Varese e nel 2008 al Nucleo CC di Campione d’Italia. Nel 2011 viene infine trasferito all’Aliquota Operativa del NOR di Varese che peraltro comanda in S.V. dal 2013 al 2015. Sposato e con una figlia nata nel 1983, è stato decorato con la medaglia mauriziana per 10 lustri di carriera militare, con la croce d’oro con stella per anzianità di servizio e la medaglia per operazioni di soccorso per pubbliche calamità. Nel 2005 ha ricevuto un encomio semplice dal Comandante della Legione Lombardia per l’operazione “Bestie di Satana”.