DISAGI

Poste Italiane: i sindaci “scendono in campo” e sollecitano la riapertura degli uffici e l’ampliamento degli orari

"Dopo alcune settimane vi chiediamo a quali scelte ha portato questo monitoraggio e quali siano i motivi per cui non sono ancora stati ripristinati i vecchi orari."

Poste Italiane: i sindaci “scendono in campo” e sollecitano la riapertura degli uffici e l’ampliamento degli orari
Cronaca Rhodense, 16 Dicembre 2020 ore 11:08

Poste Italiane: i sindaci del Rhodense sollecitano la riapertura degli uffici e l’ampliamento degli orari

Poste Italiane: i sindaci sollecitano la riapertura degli uffici e l’ampliamento degli orari

I Sindaci del Rhodense, Yuri Santagostino (Cornaredo), Michela Palestra (Arese), Andrea Tagliaferro (Lainate), Maria Rosa Belotti (Pero), Carmine Lavanga (Pogliano Milanese), Angelo Bosani (Pregnana Milanese), Pietro Romano (Rho), Sara Santagostino (Settimo Milanese) e Guido Sangiovanni (Vanzago), hanno scritto una lettera a Poste Italiane per sollecitare la riapertura degli uffici e l’ampliamento degli orari.
La situazione attuale sta creando da mesi disagi ai cittadini, soprattutto più anziani, con code sempre più lunghe fuori dagli uffici postali.

La lettera

I sindaci hanno dunque inviato una lettera con oggetto “richiesta ampliamento orario uffici postali comuni del rhodense”:

“Gentile dottor Lasco,
nonostante le diverse segnalazioni effettuate dai Sindaci del nostro territorio constatiamo purtroppo che nulla è stato modificato in merito agli orari degli uffici postali.
In queste settimane noi Sindaci abbiamo riscontrato code sempre più lunghe fuori dagli stessi. Disagio acuito dalle temperature rigide che ci accompagneranno almeno per qualche mese, per tutti gli utenti ma in particolare per quelli più anziani. Disagio percepito anche negli uffici che non hanno avuto riduzioni di orario poiché i cittadini di più Comuni si riversano nelle sedi aperte.
Per questi motivi siamo nuovamente a segnalare l’estrema urgenza della riapertura degli uffici postali dei nostri Comuni così come da orari precedenti alla fase più acuta dell’emergenza Covid.
Sappiamo bene dell’impegno messo da Poste italiane a tutela degli utenti e dei propri dipendenti, è lo stesso che abbiamo messo nei nostri uffici per garantire servizi essenziali durante questa emergenza. Crediamo sia giunto il momento però di ritornare ai vecchi orari che permettevano sicuramente un servizio migliore per i nostri cittadini.
Nella lettera di risposta ad alcuni amministratori avete affermato che l’azienda avrebbe proseguito un costante monitoraggio al fine di valutare le azioni necessarie da intraprendere per gli Uffici Postali indicati. Dopo alcune settimane vi chiediamo a quali scelte ha portato questo monitoraggio e quali siano i motivi per cui non sono ancora stati ripristinati i vecchi orari.
Rimaniamo a disposizione per qualunque confronto utile”

Le dichiarazioni del sindaco di Rho Pietro Romano

“Da mesi sto chiedendo a Poste italiane di riaprire l’Ufficio di via Giusti e di ampliare gli orari degli altri uffici.
Non è possibile lasciare molte persone, per lo più anziane, in coda fuori dagli uffici postali soprattutto in questo periodo invernale.
Questo problema si sta verificando praticamente in tutti i Comuni.
Da Poste Italiane i Comuni, malgrado le mozioni approvate dal Consiglio Comunale e le raccolte di firme dei Cittadini, hanno ricevuto risposte vaghe ed evasive che fanno riferimento ad un non meglio precisato “monitoraggio della situazione” senza però dire se e quando tutti gli uffici riapriranno e ritorneranno ai normali orari.
Non è questo un atteggiamento accettabile da chi gestisce un servizio pubblico che dovrebbe essere improntato alla trasparenza nei confronti delle istituzioni e soprattutto della Cittadinanza.
Ora assieme agli altri Sindaci abbiamo inoltrato questa richiesta nella speranza di mettere fine ai continui disagi che vengono segnalati.”

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità