Cronaca

Polizia salva una bambina di pochi mesi

Tempestivo l'intervento della polizia locale di Pregnana questo pomeriggio che ha salvato una bimba di pochi mesi rimasta chiusa in macchina.

Polizia salva una bambina di pochi mesi
Cronaca Rhodense, 17 Gennaio 2018 ore 18:37

Tempestivo l'intervento dei militari per trarre in salvo una bambina.

Polizia salva una bambina chiusa in macchina

Grazie all'intervento tempestivo della polizia locale di Pregnana questo pomeriggio, verso le ore 16, è stata salvata una bimba di pochi mesi rimasta accidentalmente chiusa in macchina. Una giovane mamma si è precipitata al comando della Polizia Locale e, spaventata e piangente ha riferito che la sua bimba di pochi mesi era rimasta chiusa all'interno del veicolo con le chiavi custodie nella borsa lasciata nell'abitacolo. Il tutto è avvenuto in pochi istanti in cui la donna è rimasta sempre all'esterno dell'auto e, il dispositivo di chiusura, inspiegabilmente ha chiuso in automatico le serrature. Immediatamente gli agenti della Polizia Locale pregnanesi hanno compreso la gravità del problema e hanno raggiunto il veicolo, parcheggiato a poche decine di metri di distanza.

Le parole degli agenti

"La neonata piangeva disperatamente", raccontano gli agenti. "Dopo averla tranquillizzata con l'aiuto della mamma abbiamo rotto il vetro e liberato la piccola". Resta ancora da capire come sia potuto succedere. I dispositivi di chiusura centralizzata dei veicoli di ultima generazione non dovrebbero consentire il blocco in presenza di chiavi lasciate all'interno dell'abitacolo. "La cosa importante è che madre e figlia abbiano potuto riabbracciarsi in pochissimo tempo", commenta il comandante Paola Zarba. "Naturalmente, anche se assente per maternità, i miei colleghi mi hanno informato. Ritengo che gli agenti abbiano dimostrato la prontezza e la freddezza necessaria per affrontare una situazione delicatissima, risolvendo il problema senza traumatizzare ulteriormente i coinvolti".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter