Menu
Cerca
Abbiategrasso

“Piste ciclabili, così non va”

Fiab Abbiateinbici: "Se non sono inserite in un sistema di mobilità che garantisca lo spostamento in sicurezza dall’inizio alla fine, è preferibile non averle".

“Piste ciclabili, così non va”
Cronaca Magenta e Abbiategrasso, 04 Aprile 2021 ore 12:16

“Corsie e piste ciclabili? I percorsi riservati alle bici ci piacciono ma a volte, se non sono di buona qualità e inseriti in un sistema di mobilità che garantisca lo spostamento in sicurezza dall’inizio alla fine, è preferibile non averli, perché poi chi pedala è obbligato a utilizzarli anche se pericolosi”. A parlare è l’associazione Fiab Abbiateinbici di Abbiategrasso.

“Piste ciclabili, così non va”: due esempi

“La corsia ciclabile di via Giramo, dalla quale il ciclista deve uscire ogni pochi metri per evitare i 12 tombini e 11 pali che si incontrano in 500 metri, e la pista promiscua pedonale e ciclabile di via Lomellina–Statuto, dove pedoni e ciclisti sono in continuo conflitto di interessi. In un contesto urbano, con semplici misure di moderazione e mitigazione del traffico, si possono ridurre significativamente i rischi in strada anche senza piste ciclabili. Queste si fanno se c’è uno spazio sufficiente e con uno “scopo”, perché dirette a luoghi di interesse collettivo (scuole, ospedali, zone commerciali, stazione…). Se sono ben progettate e segnalate, le persone le usano; gli spezzoni che non vanno da nessuna parte sono inutili”.

“Inviate numerose segnalazioni”

“In questi anni abbiamo mandato all’Amministrazione decine di segnalazioni, proposte e documenti per una città a misura delle persone, tutte rimaste senza risposte – conclude Fiab Abbiateinbici – Le recenti dichiarazioni del vicesindaco Albetti a favore di un modello più sostenibile di mobilità ci fanno piacere e ci auguriamo che nei prossimi mesi vengano fatte per il traffico scelte coerenti con questa nuova visione”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli