Pirata della strada rintracciato e denunciato dai vigili

Il comandante Zampieri: “I nostri operatori hanno condotto un’ottima operazione”.

Pirata della strada rintracciato e denunciato dai vigili
Rhodense, 31 Gennaio 2018 ore 17:01

Fuga con omissione di soccorso dopo incidente stradale. La Polizia Locale di Settimo Milanese lo rintraccia
e lo denuncia.

Pirata della strada rintracciato e denunciato

Un giovane di vent’anni è stato fermato dalla Polizia Locale, dopo essersi allontanato senza prestare la dovuta assistenza a una donna feritasi in occasione di un sinistro stradale. L’evento si è verificato nel primo pomeriggio di martedì 23 gennaio in via Panzeri, all’altezza del “Gamba dè Legn”. A seguito di un banale tamponamento, presumibilmente favorito dall’intenso traffico, una donna di circa cinquant’anni si era vista costretta a richiedere
l’intervento di un’ambulanza.

Si allontana senza aspettare l'arrivo dei soccorsi

Dalle prime indiscrezioni sembrerebbe che a questo punto l’altro conducente, il quale si era inizialmente fermato, si è allontanato dal luogo del sinistro senza attendere l’arrivo dei soccorsi. Inoltre senza nemmeno fornire le proprie generalità, ai fini di un successivo rintraccio. La donna è stata quindi trasportata in codice verde all’ospedale San
Carlo di Milano, dove è stata sottoposta ad accertamenti.

Identificato grazie alle telecamere di videosorveglianza

In seguito all’esposto della donna, nei giorni seguenti la Polizia Locale ha preso visione di alcuni filmati registrati dalle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona. Ha iniziato ad assumere informazioni da persone che erano in grado di riferire circostanze utili ai fini delle investigazioni. Tale attività ha condotto a individuare, nel giro di quarantotto ore, il secondo veicolo coinvolto nell’incidente e conseguentemente a identificare il suo conducente,
come si diceva un ragazzo residente a Settimo Milanese e senza precedenti penali. La sua posizione è attualmente al vaglio dell’autorità inquirente.

Le parole del comandante Zampieri

“I nostri operatori hanno condotto un’ottima operazione”, ha dichiarato soddisfatto il Comandante Fabrizio Zampieri. “E’ bene ricordare che, a seguito di un qualsiasi incidente stradale, tutti i conducenti coinvolti hanno l’obbligo di fermarsi e di scambiarsi i propri dati e generalità, al fine di avviare le conseguenti procedure assicurative. Nell’eventualità poi in cui si sia un infortunato, il Codice della Strada impone delle cautele ulteriori e aggiuntive. Si rende infatti necessario prestare la massima assistenza possibile ai potenziali feriti, contattando il soccorso sanitario e attendendo il suo arrivo sul posto. Inoltre è doveroso mettersi a completa disposizione delle forze dell’ordine intervenute e
incaricate di svolgere i rilievi del caso. Infine in caso contrario si potrebbe rischiare la reclusione da
uno a tre anni, in aggiunta alla sospensione della patente fino a cinque anni”.