La novità

Parabiago, riaprono anche i parchi cittadini

A partire da oggi, lunedì 22 giugno, anche a Parabiago riaprono i parchi e i giardini cittadini. L'Amministrazione ricorda di seguire le normative.

Parabiago, riaprono anche i parchi cittadini
Legnano e Altomilanese, 22 Giugno 2020 ore 15:05

Parabiago, è di nuovo permesso l’accesso pubblico a parchi e giardini cittadini-

Accesso consentito ai parchi e giardini di Parabiago

Per effetto dell’ordinanza sindacale n.85 del 19 giugno scorso, è permesso l’accesso del pubblico ai parchi e giardini cittadini a partire dalla giornata di oggi, lunedì 22 giugno 2020. Rimangono ovviamente in vigore le regole e le misure di distanziamento interpersonale di almeno un metro e il divieto di assembramento. L’ordinanza consente, inoltre, l’accesso dei minori, anche accompagnati da familiari o da altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura all’interno di parchi, ville e giardini pubblici, per lo svolgimento di attività ludica o ricreativa all’aperto.

Cartelli per ricordare le regole da seguire

L’utilizzo delle predette aree gioco dovrà avvenire nel rispetto delle linee guida del Dipartimento per le politiche della famiglia (allegato 8 – DPCM 11.06.2020, nonché del protocollo predisposto sulla base delle vigenti normative e delle misure igienico-sanitarie del DPCM 17.05.20 (allegato 16). L’Amministrazione comunale ha predisposto cartelli e avvisi da affiggere presso le aree suddette in modo ben visibile per facilitare la presa di coscienza di cui usufruisce di questi spazi. L’ordinanza, elaborata dall’Amministrazione comunale in coordinamento e in sinergia con Aemme Linea Ambiente srl, società gestore dei servizi di igiene ambientale e con l’Unità di Crisi locale, predispone anche le attività necessarie per consentire l’utilizzo in sicurezza delle aree interessate, assicurandone la vigilanza, la pulizia e la sanificazione.

TORNA ALLA HOME E LEGGI LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia