Pregnana

Palestre chiuse: “Dispiace per i clienti”

Le parole di Andrea Rovelli, contitolare della palestra Ad Hoc

Palestre chiuse: “Dispiace per i clienti”
Rhodense, 03 Novembre 2020 ore 14:31

Andrea Rovelli, pregnanese, è contitolare della palestra Ad Hoc Personal Training studio di via San Gregorio a Milano. Condivide con noi la sua esperienza in questo momento critico legato all’emergenza sanitaria e alle restrizioni necessarie per arginarla.

L’intervista

«La situazione è difficile e il pensiero va a tutte le realtà che nei mesi estivi hanno investito per riuscire a riaprire dopo il primo stop nel rispetto delle regole. La sanificazione degli ambienti, la pulizia delle condotte dell’aria, la la gestione del rispetto delle distanze: tutti interventi che, purtroppo, in fin dei conti non hanno evitato una nuova chiusura».

“Come parrucchieri”

«Personalmente, il discorso è un po’ diverso perché noi siamo un centro personal, lavoriamo solo su appuntamento un po’ come i parrucchieri, ma con distanze ancora maggiori. In cento metri quadri siamo al massimo in 4 o 5 persone, gli ingressi sono sempre stati contingentati e quindi assembramenti non se ne creavano neanche prima. Per noi è quindi un po’ più facile gestire le distanze e garantire il rispetto delle regole, ci siamo adeguati a tutte le norme necessarie ma ciò nonostante rientriamo nella categoria delle “palestre” e dunque anche per noi stop all’attività. Ed è un dispiacere. Sicuramente dal punto di vista economico. Ma anche dal punto di vista personale. Noi ci occupiamo del benessere dei nostri clienti: penso a quelle persone con cui stavamo seguendo un percorso post operazione chirurgica, quelli afflitti da mal di schiena che trovavano beneficio nel venire da noi. Come a marzo, si ritrovano nuovamente a dover soffrire per quei problemi che, stando in casa, rischiano di acuirsi».

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia