Omicidio di Cinisello Balsamo fermati gli autori, stavano preparando la fuga all'estero

Durante una lite familiare un 29enne marocchino era stato accoltellato al collo. L'attività d'indagine ha permesso di fermare due connazionali di 21 e 23 anni.

Omicidio di Cinisello Balsamo fermati gli autori, stavano preparando la fuga all'estero
Cronaca Legnano e Altomilanese, 17 Marzo 2018 ore 14:05

A seguito delle attività d'indagine della compagnia di Sesto S.Giovanni sono stati fermati due marocchini di 21 e 23 anni, responsabili dell’ omicidio di Cinisello Balsamo avvenuto il 12 marzo. Accoltellato al collo un connazionale di 29 anni durante una lite familiare.

Omicidio di Cinisello Balsamo, fermati gli autori

 

I Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni (Milano) hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, due cittadini marocchini, di 21 e 23 anni di età, irregolari sul territorio nazionale, poiché ritenuti responsabili di omicidio.

Il provvedimento giunge all’esito delle indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Monza,  avviate il 12 marzo scorso, a seguito del rinvenimento, a Cinisello Balsamo (Milano), di un 29enne marocchino in fin di vita. La vittima era stata trasportata presso l’Ospedale San Gerardo di Monza, dove era deceduta poco dopo, a causa di una profonda ferita da taglio al collo. L’attività investigativa ha consentito di recuperare la presunta arma del delitto, un coltello con lama di circa 20 cm., occultato in un cespuglio a poca distanza dal luogo dei fatti, nonché di giungere rapidamente all’identificazione degli autori dell’aggressione, avvenuta al culmine di un’accesa discussione per futili motivi legati a una difficile convivenza acuiti dallo stato di ebbrezza.

I due stavano preparando la fuga all’estero

I due autori sono stati rintracciati e bloccati rispettivamente a Parabiago  e a Lecco, dove avevano trovato riparo dopo l’omicidio e da dove si stavano organizzando per fuggire all’estero.

In attesa della convalida del provvedimento i fermati  sono stati condotti presso il carcere di Monza.