Nuovo rifugio per i senzatetto a Saronno FOTO

E' quello creato dal Comune di Saronno nell'ex sede dei vigili quartiere Prealpi per queste notte di freddo

Nuovo rifugio per i senzatetto a Saronno FOTO
Saronno, 29 Dicembre 2018 ore 09:50

Nuovo rifugio per i senzatetto a cura del Comune di Saronno.

Nuovo rifugio per i senzatetto, già attivo

E’ realtà. Per tutti quelli che non hanno uno spazio in cui passare la notte, soprattutto in questo periodo di freddo e gelo. L’Amministrazione comunale di Saronno, su precisa indicazione del sindaco Alessandro Fagioli, già dall’autunno, ha predisposto infatti un ricovero per i senzatetto saronnesi.
“In un primo momento – spiega l’assessore ai Servizi sociali e Affari generali Gianangelo Tosi – si era pensato di utilizzare alcuni locali dismessi dall’azienda sanitaria ma, non essendone rientrati in possesso in tempo utile di concerto con l’ufficio tecnico, i servizi sociali hanno individuato l’ex sede dei vigili di quartiere al Prealpi, che in tempi brevi è stato pulito e adattato alla situazione, tra l’altro utilizzando cittadini legati ai servizi dai cosiddetti Patti sociali cioè persone in situazione di difficoltà a cui il Comune garantisce sostegno a fronte della loro disponibilità a eseguire servizi a favore della cittadinanza. In questo modo si è realizzato il doppio fine di aiutare diverse categorie di cittadini bisognosi di aiuto”.

Le foto:

3 foto Sfoglia la gallery

Le parole del sindaco

“E’ una soluzione – prosegue il primo cittadino – che avevo promesso ai commercianti e ai residenti del centro. Si tratta di una situazione da considerarsi temporanea in quanto non è un alloggio ma un ricovero per la notti più fredde. La finalità è quella di evitare che i senzatetto dormano per strada, sulle panchine, a ridosso dei portici, caseggiati o al pronto soccorso. Questo rientra nel principio espresso nel mio programma amministrativo, cioè che tutti i saronnesi debbano poter avere un tetto sopra la testa. Ovviamente questo concetto non deve sostituire il valore di essere autonomi e indipendenti e, in seconda battuta, di avere la famiglia come primo nucleo di sostegno. Ringrazio l’assessore e gli uffici che si sono adoperati per la realizzazione e le associazioni per la collaborazione”.

LEGGI ANCHE:
Gli ordinano 60 pizze ma non si presentano, lui le porta ai senzatetto

TORNA ALL’HOME PAGE DI SETTEGIORNI PER LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
ANCI Lombardia