Nuova ciclopedonale lungo la Varesina, lavori a fine estate

Più sicurezza per i pedoni e i ciclisti che percorreranno la Varesina dalla chiesa del Loreto all'Esselunga con l'opera della Provincia.

Nuova ciclopedonale lungo la Varesina, lavori a fine estate
Saronno, 28 Marzo 2018 ore 16:06

Presentato il progetto della Provincia per la nuova ciclopedonale dalla chiesa della Madonna di Loreto alla rotonda dell'Esselunga a Venegono Inferiore.

Nuova ciclopedonale, pronti 300mila euro

Trecentomila euro di lavori, di cui 50mila finanziati dal Comune. E' l'investimento col quale la Provincia di Varese finanzierà la realizzazione di una nuova pista ciclopedonale che correrà lungo la Varesina. Il progetto è stato presentato sabato in una riunione pubblica in sala consiliare. Presenti, il sindaco Mattia Premazzi, i tecnici del Comune, della Provincia e il consigliere provinciale delegato Davide Tamborini.

Più sicurezza per i residenti

Primo beneficio dell'opera, la sicurezza. "In quel tratto passano ogni giorno 22mila veicoli, e registriamo una criticità per quanto riguarda gli incidenti, superiori che in altri tratti della Varesina", ha spiegato il tecnico. La nuova ciclopedonale, che porterà anche a una leggera riduzione dell'asse stradale, cercherà di ridurre questa criticità. Ma non solo. "Sarà un incentivo alla mobilità dolce. Come Amministrazione stiamo puntando molto su questo - aggiunge Premazzi - Grazie alla nuova ciclopedonale, i residenti della zona sud del paese, che da tempo richiedono l'intervento, non saranno costretti a prendere l'auto per arrivare in centro o ai negozi vicini alla rotonda".

Lavori a fine estate

Progetto e finanziamento ci sono, ora si tratta di "tarare" il primo e assegnare il secondo. Si parte da queste settimane, con l'avvio del procedimento di Conferenza dei Servizi. "In questa fase i cittadini interessati potranno richiedere un appuntamento agli uffici o far pervenire le proprie richieste e segnalazioni. Anche per quanto riguarda gli espropri, i cui avvisi arriveranno in questi giorni", hanno spiegato i tecnici di villa Recalcati. Poi ci sono i tempi tecnici degli appalti pubblici. "L'idea è di chiudere le procedure di appalto tra agosto e settembre - ha fatto sapere Tamborini - e iniziare così i lavori con la fine dell'estate".