Notte della Luna col Gat al liceo Curie di Tradate

Tutto il mondo punterà gli occhi al cielo sabato 28 ottobre. L'osservazione celeste in città è organizzata dagli astrofili del Gat al liceo

Notte della Luna  col Gat al liceo Curie di Tradate
Cronaca 25 Ottobre 2017 ore 14:34

Notte della Luna: tutto il mondo col naso all’insù

Con il MoonWatch 2017, torna la magica notte della Luna, un’iniziativa promossa a livello mondiale, dall’International Observe the Moon Night (InOMN) per la sera del 28 ottobre allo scopo di osservare la Luna contemporaneamente (stessa ora e stesso giorno) in tutto il mondo.

 

 

70 paesi e 600 iniziative nel mondo per la "Notte della Luna"

Saranno 70 i Paesi e 600 le iniziative contemporaneamente in tutto il mondo per osservare la Luna.  La scelta della data, il 28 ottobre, non è casuale. "La Luna (nel Capricorno) infatti, essendo esattamente al primo quarto, regalerà splendidi contrasti di ombre sui crateri e sui mari. Sarà una vera sorpresa per chi, magari, la scruterà da vicino al telescopio per la prima volta", assicura il presidente del Gat Cesare Guaita aggiunge: "Sarà possibile dare un occhio ad altri oggetti celesti: tra questi Saturno, ancora visibile di prima sera  tra Sagittario ed Ofiuco".

Telescopi puntati del Gat al liceo Curie

 

All'appello aderiranno anche gli istituti scolastici. Il Gat, Gruppo Astronomico Tradatese dato i suoi strettissimi legami con il mondo della scuola, terrà il suo Moonwatch Party 2017 al liceo Marie Curie di via Brioschi a Tradate  "che ha accettato il coinvolgimento nell’iniziativa avendone capito sia  l’importanza e il significato", sottolinea Cesare Guaita. Il Gat  trasferirà molti dei suoi telescopi, compreso il rifrattore ‘Frahunofer’ gigante di Antonio Paganoni, il massimo che sia mai stato auto-costruito e capace di fornire visioni  fantastiche. In caso di cattivo tempo, la manifestazione si svolgerà comunque nell’aula magna del Curie con una  conferenza dedicata alla grande eclisse solare  che ha attraversato gli Usa  il 21 Agosto, cui gli astrofili tradatesi  del Gat hanno partecipato in massa.