pregnana milanese

“Notte bianca abusiva” a Pregnana: si cercano i responsabili

Il sindaco: "E’ mia intenzione incontrare i proprietari del bar che ha organizzato l’evento iniziale per sensibilizzarli sulla gestione della loro attività"

Rhodense, 21 Settembre 2020 ore 11:04

Nella notte tra sabato 19 e domenica 20 settembre a Pregnana Milanese si sono verificati alcuni eventi che hanno causato un grave disturbo della quiete pubblica e della pubblica sicurezza in particolare nella zona della stazione e al parco di via Gallarate. Per questo motivo il sindaco Angelo Bosani chiede aiuto ai cittadini ad individuare i responsabili presentandosi in Comune per fornire informazioni.

“Notte bianca abusiva” a Pregnana: si cercano i responsabili

“Dalle informazioni che abbiamo reperito, all’interno di un bar di Pregnana era organizzata una serata musicale. Terminato l’evento (intorno a mezzanotte) molti dei partecipanti si sono trasferiti al parco di via Gallarate dove si è svolta una festa non autorizzata durata fino a tarda notte. Nello stesso luogo, intorno all’1.30, è anche stata portata via in ambulanza una donna in stato di ubriachezza che aveva perso i sensi in circostanze ancora da chiarire e sulle quali stanno indagando i Carabinieri di Legnano.
Questo tipo di comportamento non è tollerabile. Non lo è in generale e non lo è soprattutto in un periodo come quello che stiamo vivendo!
Stiamo raccogliendo tutte le informazioni utili per individuare gli organizzatori di questa “notte bianca abusiva” e anche chi vi ha partecipato. Se riusciremo ad individuare con certezza gli organizzatori li denunceremo alle autorità competenti. In proposito, dato che sappiamo con sicurezza che diversi giovani pregnanesi hanno preso parte a questo evento, li invito ad agire con senso civico e coscienza, ad aiutarci a individuare i responsabili presentandosi in Comune per fornire informazioni. Qualcuno, per fortuna, ci ha già contattato.
E’ mia intenzione incontrare i proprietari del bar che ha organizzato l’evento iniziale per sensibilizzarli sulla gestione della loro attività, non tanto in merito a quello che si svolge in maniera corretta e controllata all’interno del locale, ma in merito a quanto si svolge in maniera incontrollata al di fuori del locale dopo l’orario di chiusura.
In Giunta abbiamo deciso alcune settimane fa di intervenire sul parco di via Gallarate realizzando una recinzione e chiudendolo nelle ore serali e notturne con un cancello automatico. In questo modo contiamo di limitare l’uso improprio del parco, proteggere le strutture pubbliche che vi si trovano, impedire fisicamente che i picnic e le feste più o meno organizzate proseguano oltre l’ora di cena e fino a notte inoltrata.
Accanto a questa opera, che contiamo di realizzare durante l’autunno/inverno, stiamo procedendo ad una revisione del Regolamento di Polizia Urbana inserendovi delle norme e delle sanzioni specifiche per questo tipo di situazioni, così come in materia di abbandono di rifiuti, esercizio della prostituzione ed altro. Il nostro obiettivo è garantire alle Forze dell’Ordine un appoggio normativo chiaro per poter contestare e sanzionare i comportamenti impropri relativi a questi temi.
Nel caso specifico, ad esempio, il semplice fatto di trovarsi all’interno della recinzione del parco oltre l’orario di chiusura costituirebbe un fatto evidente da contestare e sanzionare.
In proposito rimane però indispensabile la vostra collaborazione: nelle ore notturne l’unico intervento possibile, tempestivo ed efficace è quello delle Forze dell’Ordine. La videosorveglianza – per capirci – ha dei limiti fisici insuperabili (sorveglia solo un piccolo spazio) e soprattutto non consente un intervento tempestivo, ma solo a posteriori. Quando vedete o sentite situazioni come quelle descritte, chiamate senza indugio: della vostra richiesta rimarrà traccia e le autorità preposte prenderanno i provvedimenti del caso, sia mentre gli eventi si svolgono (mandando una pattuglia) sia successivamente (prevedendo maggiore controllo).
Il progetto di potenziamento della videosorveglianza rimane comunque tra i nostri obbiettivi ed è in attesa di essere finanziato dal Ministero: una volta ottenute le risorse (parliamo di circa 200.000 € per 25 nuovi punti di controllo) arricchiremo il sistema di controllo del territorio, utile soprattutto per la sicurezza stradale e la registrazione dei veicoli privi di assicurazione o rubati.
La sicurezza e la quiete del nostro territorio sono obiettivi che l’Amministrazione Comunale ha ben chiari, pur nei limiti tecnici e normativi degli strumenti a nostra disposizione vi assicuro che stiamo facendo e faremo il possibile per garantirli.

Ferita e priva di sensi sul ciglio della strada

Nella notte tra sabato 19 e domenica 20 settembre, una donna di 42 anni, E.R., è stata soccorsa all’1.25 nella zona dell’area feste a Pregnana Milanese. Quando sono arrivati i militari e l’ambulanza della Croce verde, la donna era esanime ai bordi della strada e presentava traumi alla testa e al volto. Trasportata d’urgenza al Pronto soccorso dell’ospedale di Magenta, dov’è arrivata in codice rosso, hai poi ripreso conoscenza riferendo di essere stata aggredita e picchiata. Spetta ora ai carabinieri ricostruire la dinamica dell’accaduto.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia