Cronaca
Operazione

Nei borsoni da palestra avevano 800mila euro in contanti

La Polizia di Stato ha arrestato due giovani accusati di ricettazione. L'ombra del narcotraffico

Nei borsoni da palestra avevano 800mila euro in contanti
Cronaca Milano città, 15 Novembre 2021 ore 14:14

Con loro avevano due borsoni da palestra. Ma al loro interno non c'erano pantaloncini o scarpette, ma 800mila euro in contanti. I due giovani sono stati arrestati dalla Polizia di Stato per ricettazione.

Borsoni con 800mila euro

La Polizia di Stato, nell'ambito delle attività finalizzate alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti nella provincia di Milano, ha arrestato  due albanesi di 19 e 28 anni per ricettazione, in quanto sono stati  trovati in possesso di 800mila euro in contanti, probabilmente provento di attività illecite anche riconducibili al narcotraffico.
Gli agenti della Squadra Mobile di Milano avevano appurato che un appartamento di via della Cooperazione a Rozzano era utilizzato da albanesi per attività di narcotraffico.  A questo punto,  giovedì scorso, gli agenti della sezione antidroga hanno avviato un servizio di osservazione  finalizzato ad individuare l'appartamento e i soggetti segnalati. Nella tarda serata dal portone, improvvisamente sono usciti due giovani che hanno attirato l'attenzione dei poliziotti perché dapprima sembravano fossero insieme, poi hanno iniziato a camminare uno davanti all'altro ad una distanza di dieci metri. L'atteggiamento sospetto ed equivoco dei due ha indotto i poliziotti a seguirli. Dopo aver percorso circa 150 metri, i due sono giunti in un parcheggio antistante ad alcuni negozi commerciali ove c'era un'auto ad attenderli.
Uno dei due giovani si è avvicinato all'autovettura, ha preso una mazzetta di denaro contante consegnatagli dal trasportato della stessa, l'ha riposta sotto il giubbotto e ha fatto ritorno allo stabile dal quale era uscito. L'altro soggetto, che portava sulle spalle uno zainetto, è rimasto nel parcheggio altri 10 minuti, in evidente attesa di qualcuno. Improvvisamente è sopraggiunta una seconda autovettura di grossa cilindrata dalla quale è uscito un soggetto che si è posizionato fuori dal veicolo in funzione di "palo": il giovane con lo zaino è entrato nell'autovettura e dopo poco è sceso, incamminandosi anche lui verso il palazzo dal quale era uscito.

L'intervento

In quel momento i poliziotti dell'antidroga hanno deciso di intervenire sottoponendo a controllo il giovane. All'interno dello zaino vi erano numerose mazzette di denaro contante, confezionate in involucri di cellophane sottovuoto, tipico confezionamento del denaro provento di attività riconducibili al narcotraffico. Nell'immobile dal quale i due giovani erano usciti, i poliziotti hanno individuato subito l'appartamento nel quale dimoravano, al cui interno vi era l'altro giovane che aveva fatto per primo ritorno.
La perquisizione dell'appartamento ha consentito di rinvenire due borsoni da palestra e una busta in plastica tipo shopper pieni di mazzette di denaro contante confezionate nello stesso modo in cui erano confezionate quelle rinvenute nello zainetto, per un totale complessivo di circa 800.000 euro. Inoltre, sono stati rinvenuti numerosi foglietti e block notes contenenti conteggi e movimentazioni di denaro, involucri di plastica già aperti, nonché due telefoni criptati di nuovissima generazione.
I due giovani, di origini albanesi, dimoranti in Italia da pochi mesi,  non hanno saputo giustificare la detenzione dell'ingente somma di denaro. L'intero contesto presentatosi ai poliziotti porta a ritenere, in maniera quasi inequivocabile, che il denaro sia provento di attività illecite riconducibili al narcotraffico. La Squadra Mobile, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, sta accertando se i due albanesi siano riconducibili a quell'anello della filiera del narcotraffico che si occupa della sola movimentazione del denaro: raccolta e trasporto oltre confine per l'acquisto di nuove partite di stupefacente.
I due arrestati sono sati rinchiusi nel carcere di San Vittore a disposizione dell'autorità giudiziaria.