Dopo il Natale, a Uboldo è già Palio delle contrade

Nove giorni di sfide e divertimento, annunciata la 31esima edizione con molte novità.

Dopo il Natale, a Uboldo è già Palio delle contrade
23 Gennaio 2018 ore 16:43

Annunciata la nuova edizione.

Dopo il Natale, è già tempo di pensare al Palio

«Dopo il Palio è Natale e dopo Natale… è Palio!». Il Comitato Palio Uboldo, fedele a questo simpatico adagio ormai entrato nella tradizione uboldese, alla mezzanotte di Santo Stefano ha annunciato che dal 9 al 17 giugno prossimi si celebrerà la 31esima edizione del Palio delle Contrade di Uboldo.  Sono iniziati quindi i preparativi per l’evento più atteso dell’anno da parte della comunità.

Moltissime le novità

La manifestazione, come ogni anno, offrirà un programma di nove giorni ricchi di festa, colore, musica ma soprattutto giochi tra le contrade. Quest’anno sarà il Bell chiamato a difendere il Palio dopo la vittoria del 2017 su San Cosma, Taron e Lazzarett. Moltissime le novità del 2018 che il Comitato ha iniziato ad anticipare e che si è riservato di svelare nei prossimi mesi col contagocce per creare la giusta suspence. Partiamo dalle certezze: Silvia Legnani, prima donna a vincere il Palio, sarà ancora alla guida del Bell così come Vincenzo Fiore, confermato capitano del Taron. Novità invece in casa San Cosma dove Massimiliano Biazzi andrà a sostituire Agostino Mancinotti e anche nel Lazzarett dove Michele Giorgino ha preso il posto di Enrico Brignani. Per chi volesse informazioni su come partecipare nelle Contrade l’invito è, fin da ora, di contattare i vari referenti.

Quest'anno un evento davvero speciale

Il Palio 2018 sarà speciale anche per un'altra ragione. Proprio il 9 giugno in Duomo a Milano verrà ordinato sacerdote don Andrea Pellegrino, destinato dall’ottobre scorso alla Parrocchia di Uboldo per svolgere qui l’ultimo anno di seminario come diacono in preparazione dell’ordinazione presbiterale. Il 10 giugno don Andrea celebrerà la sua prima messa a Vanzago, paese nativo, mentre il 17 giugno celebrerà la sua prima santa messa solenne a Uboldo. I preparativi già fervono perché sia una giornata strepitosa in onore del prete novello che resterà poi come vicario parrocchiale per i prossimi anni al posto di don Angelo Beccali, trasferitosi a Cesate nel settembre scorso. Il Palio è alle porte e Uboldo già freme.