Monsignor Agnesi vicario generale della Diocesi

Il nuovo "vice" dell'arcivescovo Delpini è di Legnano: la gioia dell'Azione cattolica cittadina.

Monsignor Agnesi vicario generale della Diocesi
Legnano e Altomilanese, 30 Marzo 2018 ore 16:24

Monsignor Agnesi è il nuovo vicario generale della Diocesi.

Monsignor Agnesi scelto dal vescovo Delpini come suo "vice"

Al termine della messa crismale celebrata in Duomo con i sacerdoti giovedì 29 marzo, l’arcivescovo di Milano monsignor Mario Delpini ha nominato i suoi nuovi collaboratori. Tra loro spicca il nome del legnanese monsignor Franco Agnesi, che dal prossimo primo luglio assumerà il ruolo di vicario generale, come a dire il "vice" del vescovo.

La gioia dell'Azione cattolica di Legnano

Una nomina accolta con grande gioia dall'Azione cattolica di Legnano. L'Azione cattolica, nella quale don Franco è cresciuto e che ha servito come assistente diocesano, ringrazia l'arcivescovo monsignor Mario Delpini per questa scelta. "Monsignor Agnesi, originario di San Domenico, nel cui oratorio ha mosso i primi passi nella fede, ha una lunga esperienza pastorale ed ecclesiale come stretto collaboratore del cardinale Carlo Maria Martini nel ruolo di pro vicario generale, come parroco a Cesano Boscone e prevosto di Busto Arsizio, come vicario episcopale della Zona II di Varese".

La parola agli amici di gioventù e compagni di scuola

A due amici di gioventù e compagni di scuola di Franco Agnesi, Franco Monaco e Giorgio Vecchio l'Ac ha chiesto una breve testimonianza.

Franco Monaco afferma: "E' una bella notizia. Un po' ci speravo, un po' me l'attendevo. Don Franco è un fraterno amico, le nostre strade si sono intrecciate: compagno di scuola alle medie e al liceo, così come nell'oratorio a San Domenico, e poi assistente diocesano dell'Ac negli anni della mia presidenza, sotto l'episcopato di Martini del quale fu stretto e apprezzatissimo collaboratore. Ma, ben oltre la gioia riconducibile ai nostri fraterni rapporti, sono contento per la nostra Chiesa ambrosiana. Agnesi è un uomo amabile, saggio, equilibrato, ma anche geniale e creativo - un tratto della sua famiglia -, dotato del carisma dell'ascolto, dell'amicizia e delle relazioni personali (nutritissima la schiera dei followers), ma soprattutto egli è pastore illuminato, forgiato alla scuola del Concilio e del cardinal Martini, e dunque ancorato a una visione della Chiesa intesa come popolo di Dio e amica degli uomini. Un pastore conforme al profilo di un sacerdote e di un vescovo, direi non clericale, quello che Papa Francesco interpreta e raccomanda".

Giorgio Vecchio dichiara: "Non posso che essere orgoglioso e contento per la nomina di Franco Agnesi a vicario generale della diocesi. Tra l’altro succede, a distanza di anni, al suo (e mio) grande amico monsignor Giovanni Giudici, che ricoprì la medesima carica ai tempi del cardinal Martini. Franco sarà certamente all’altezza del compito: è proverbiale il suo equilibrio di giudizio, come anche la sua saggezza e disponibilità umana. Semmai mi preoccupo un po’ per la sua salute... La mia amicizia con Franco risale addirittura alla quarta elementare, quando divenne mio compagno alle scuole Mazzini. Da allora abbiamo fatto tante cose insieme, all’oratorio e in Azione cattolica. Fummo insieme delegati aspiranti a San Domenico (oggi si direbbe: educatori), ritrovandoci poi anche in Centro diocesano, anni dopo. Con mia moglie Paola seguivo gli incontri per le coppie di fidanzati e lui ci aiutava per la zona di Varese. Fummo compagni di classe per cinque anni al liceo. Noi due, insieme a Franco Monaco, passavamo tutto il giorno insieme: a scuola, poi nel pomeriggio e ancora dopo cena all'oratorio. Avevamo in comune tante cose, a cominciare dal tifo per il campione di ciclismo Vittorio Adorni. Ci divideva il tifo calcistico: lui per l’Inter, Monaco e io per il Milan". Vecchio aggiunge: "Un’amicizia è piena di ricordi, del passato e del presente, anche se poi - con impegni tanto diversi - non ci si può più vedere spesso. Custodisco nel mio cuore tanti piccoli segreti e Franco fa lo stesso. Ora gli auguro di contribuire, con la sua saggezza, a rendere sempre più evangelica la nostra Chiesa diocesana, nel solco dell’indimenticabile maestro comune Carlo Maria Martini. Gli auguro di poter dare un contributo prezioso per la stessa Azione cattolica, che ha bisogno di ritrovare entusiasmo e ascolto, per attuare quel Concilio che rimane la nostra stella polare. Insieme alla Costituzione, come ci insegnava un altro maestro, Giuseppe Lazzati. Sono convinto che Franco farà bene tante cose. E dunque grazie a monsignor Delpini per questa sua scelta".

Il benvenuto a don Luca Raimondi

"L’Ac di Legnano saluta inoltre con affetto e stima don Luca Raimondi, nominato vicario episcopale per la Zona pastorale IV (Rho). L’associazione è, come sempre, pronta a collaborare al suo ministero per il bene della Chiesa locale".