Menu
Cerca

Molesta 13enne in biblioteca, il giudice: “Deve rimanere in carcere il 50enne di Pero”

Il 50 enne si è reso protagonista di altri episodi di molestie su ragazzine negli ultimi cinque anni.

Molesta 13enne in biblioteca, il giudice: “Deve rimanere in carcere il 50enne di Pero”
Cronaca Rhodense, 31 Ottobre 2019 ore 16:29

Molesta 13enne in biblioteca, il giudice: “Deve rimanere in carcere”.

Molesta 13enne in biblioteca, il giudice: “Deve rimanere in carcere”

Rimane in carcere il molestatore, 50enne di Pero, che aveva palpeggiato una ragazzina di 13 anni in biblioteca venerdì scorso. La giovane si trovava in biblioteca ad Assago con un’amica per ritirare un libro quando un uomo si è avvicinato e l’ha palpeggiata. La 13enne è subito scappata spaventata e ha chiesto immediatamente aiuto.

LEGGI ANCHE: Tredicenne palpeggiata in biblioteca: arrestato 50enne di Pero

Recidivo: diversi episodi

Convalidato l’arresto, dovrà rispondere dell’accusa di molestie sessuali. Non è la prima volta: per decidere di tenere l’uomo in carcere è stata valutata anche la recidiva: il 50enne si era infatti reso protagonista di altri episodi di molestie su ragazzine negli ultimi cinque anni.

Quanto accaduto ad Assago

La vicenda risale a venerdì pomeriggio, quando dalla biblioteca di via Corsica è arrivata la segnalazione alla polizia locale di un uomo che aveva palpeggiato una ragazzina, in attesa di ritirare un libro insieme a un’amica. Poi, si è messo a vedere film porno dal suo pc, all’interno della struttura. Immediato l’intervento degli agenti che hanno bloccato il maniaco prima che potesse scappare, grazie anche al pronto intervento delle bibliotecarie.

Ha tentato di fornire false generalità

Il 50enne è stato portato in comando, ha cercato di dare un’identità falsa che non ha convinto i poliziotti, poi ha riferito di avere un malore ed è stato accompagnato al pronto soccorso, dove è stato poi dimesso in poche ore. Gli agenti hanno lavorato a lungo, in sinergia con i carabinieri di Assago, anche loro coinvolti nell’arresto dell’uomo che è stato portato poi al carcere di San Vittore dove dovrà rimanere.