Menu
Cerca

Minaccia una donna con la siringa e le ruba la borsa

E' successo alla stazione di Ceriano Laghetto-Solaro.

Minaccia una donna con la siringa e le ruba la borsa
Cronaca Saronno, 28 Giugno 2019 ore 17:11

Minaccia una donna con la siringa e le ruba la borsa. E’ successo ieri mattina alla stazione di Ceriano Laghetto-Solaro. L’uomo è stato sottoposto a fermo dai Carabinieri di Cesano.

Minaccia una donna con la siringa e le ruba la borsa

Minacciata con una siringa sporca di sangue e rapinata della borsa. E’ accaduto ieri mattina intorno alle 6 alla stazione di Ceriano laghetto. E’ stata la donna, 53enne, di Ceriano ad avvisare i Carabinieri.

In brevissimo tempo i militari si sono portati sul posto e hanno ascoltato la donna che ha raccontato di un uomo, un presunto tossicodipendente, che dopo averla minacciata con una siringa sporca di sangue le ha portato via la borsa. Nel tentativo di allontanarsi dal soggetto la donna è anche caduta a terra, mentre l’aggressore, dopo aver preso la borsa, è riuscito a scappare lungo i binari della stazione.

I Carabinieri della tenenza di Cesano, grazie alla dettagliata descrizione fornita dalla donna, alla conoscenza del bosco delle Groane e alle telecamere presenti nella zona, sono riusciti in breve tempo ad identificare il rapinatore.

Così intorno alle 9.30 è scattata la battuta nel bosco. I militari , nel corso della perlustrazione della zona, hanno identificato una serie di persone senza tuttavia riuscire a rintracciare l’uomo in questione. La situazione si è sbloccata definitivamente nel pomeriggio quando, proseguendo i controlli, le Forze dell’Ordine si sono trovate faccia a faccia con l’uomo.

Nonostante il tentativo di fuga il soggetto è stato bloccato e ha poi condotto i militari nel luogo in cui aveva abbandonato la borsa, da cui mancava solo il cellulare che l’uomo ha barattato in cambio di una dose.

Quando è stato fermato il 28enne, residente a Macherio, aveva addosso un’altra siringa che poteva presumibilmente essere utilizzata per una nuova rapina. I militari lo hanno così sottoposto a fermo di Polizia giudiziaria per pericolo di fuga e rischio di reiterazione del reato.