Merce contraffatta sei denunce e 321mila sequestri

Mese di controlli della Guardia di Finanza varesina a tutela del Made in Italy. Tra abiti, accessori, finti orologi di marca e prodotti di Halloween

Merce contraffatta sei denunce e 321mila sequestri
Cronaca 31 Ottobre 2017 ore 15:44

Mese di dura lotta a difesa del Made in Italy da parte della Guardia di Finanza di Varese. Quattro sanzioni e sei denunce per la vendita di merce contraffatta e pericolosa.

Merce contraffatta, primato all'abbigliamento

Delle migliaia di prodotti seguestrati dalla Finanza varesina, l'abbigliamento continua a rivestire un ruolo principe nel mercato del falso. Nel'ultimo mese solo tra borse, capi in pelle, scarpe e vestiti si sono contati più di 5mila articoli sequestrate. E tra questi anche occhiali e orologi di lusso dei grandi marchi di moda italiani e internazionali.

Verso Halloween boom di merce pericolosa

Non solo tutela del Made in Italy e sequestri di merce contraffatta, ma anche ovviamente tutela del consumatore e della sua incolumità. Dai numerosi controlli svolti dalla Finanza nei negozi di tutta la provincia, è stato prodotto il sequestro di circa 300mila articoli perchè non in linea con i parametri di sicurezza di legge. Sia riguardo quelli che regolamentano i materiali utilizzati sia per la potenziale pericolosità degli oggetti, tra cui spiccano bigiotteria, accessori per l'abbigliamento e prodotti per l'igiene personale. E solo legato alla festa di Halloween, le Fiamme Gialle hanno rimosso dalla vendita circa 3mila articoli non sicuri, che avrebbero potuto dare davvero un brutto risvolto alla notte delle streghe.

Attenzione continua sui prodotti in vendita

L'attuazione del Piano Operativo avvenuta nell'ultimo mese ha portato oltre alle centinaia di migliaia di sequestri a sei denunce per i reati di contraffazione e frode in commercio. Grazie anche all'intensificazione dei controlli su determinati settori merceologici. Una lotta dal doppio obbiettivo, come spiegano le stesse Fiamme Gialle. "Il controllo costante della filiera di beni di largo consumo e le attività a contrasto della commercializzazione dei prodotti contraffatti e non sicuri - si legge in un comunicato -  mirano a tutelare la salute dei consumatori e a garantire il corretto funzionamento del libero mercato e del sistema produttivo nazionale".