Magenta, il caso Vincenziana arriva al Ministero

Magenta, il caso Vincenziana arriva al Ministero
Cronaca 14 Gennaio 2017 ore 11:38

“Un richiedente asilo ospitato in una struttura del milanese sarebbe malato di Aids e potrebbe aver avuto rapporti con donne, forse anche prostitute, che frequentano il centro dove è ospitato?  Ho depositato un’interrogazione parlamentare per chiedere al ministro dell’Interno, on. Minniti, di attivarsi immediatamente per disporre tutte le necessarie verifiche sulla veridicità di queste notizie giornalistiche e, nel caso, adottare tutte le misure opportune" Lo dichiara l'on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda-Lega Nord, in merito alla notizia, lanciata dal nostro settimanale, riguardante il centro ‘La Vincenziana’ di Magenta, struttura dove si sarebbero già verificati casi di turbecolosi.

"Se confermata la notizia sarebbe di estrema gravità - continua l'onorevole - perché confermerebbe che gli immigrati richiedenti asilo, e la Lombardia ne ospita il numero maggiore, oltre 23 mila, non vengono controllati adeguatamente al loro arrivo in Italia e successivamente quando vengono smistati sui territori. In Lombardia stanno aumentando i casi di tubercolosi, di malaria, di meningite e ci domandiamo se tutte queste malattie, debellate negli ultimi decenni, stiano tornando a colpire la nostra popolazione perché importante, come sostiene l’Organizzazione Mondiale della Sanità, dai flussi migratori. Il ministro Minniti esegua i controlli necessari sulla struttura di Magenta e faccia verificare se, davvero, nella struttura accedono donne per incontrare gli immigrati e se davvero tra di loro ci siano anche delle prostitute.”