Lorenzo Schito annegato a 14 anni nel lago, il papà: “Si evitino altre morti”

Il giovane di Cerro Maggiore, e che aveva frequentato il Bernocchi di Legnano, è morto nel Lago Maggiore ad Arona. Il padre: "Prima di uscire di casa ci ha abbracciato". Poi l'appello

Lorenzo Schito annegato a 14 anni nel lago, il papà: “Si evitino altre morti”
Legnano e Altomilanese, 11 Giugno 2019 ore 13:49

Lorenzo Schito aveva 14 anni ed è annegato nel Lago Maggiore: intervista a Luca, il papà di Lorenzo Schito di Cerro Maggiore. “Prima di uscire di casa ci ha abbracciati dicendoci che ci voleva bene”. Poi la tragedia: “Si faccia qualcosa affinchè altri genitori non piangano i loro figli”.

Lorenzo Schito annegato a 14 anni, il padre: “Basta morti”

“Prima di uscire di casa ha abbracciato me e mie moglie. Fortissimo, mi faceva quasi male da quanto stringeva. E ci ha detto che ci voleva bene». A parlare è Luca Schito, il papà di Lorenzo, il 14enne annegato nel Lago Maggiore domenica 2 giugno durante un pomeriggio tra amici e al cui funerale ha partecipato una folla commossa con tanto di lancio di palloncini bianchi in cielo.
Nella sua casa è un continuo via vai di amici e parenti. Occhi lucidi, tutti ricordano quel ragazzo come dinamico, con tanta voglia di vivere, di stare in compagnia e sorridere. C’è papà Luca, mamma Maria Antonia, il fratello Maicol, la sorellina Siria e la sorella Jenny, che era con Lorenzo quando è avvenuta la tragedia.
“Quel pomeriggio ci ha abbracciato e detto che ci voleva bene, un gesto inaspettato, poteva dircelo dopo, quando ci saremmo rivisti: invece l’ha fatto prima di uscire, non è più tornato” ricorda il papà. Anche Jenny ricorda quei momenti prima di arrivare ad Arona: “Lory non era mai fermo ma sul treno era strano: stava come immobile seduto sul sedile, mangiandosi le unghie. Non l’avevo mai visto così. Poi quando siamo scesi ha dato un grosso bacio a un’amica”.

Appena arrivati al lago, il tuffo. Poi quel mulinello, nell’arco di 10 metri dalla riva, che ha spezzato la vita del 14enne. Il padre chiede giustizia: “Un cartello di divieto di fare il bagno non salva una vita, occorre che lì ci fosse stata, e ci sia, una presenza fissa che impedisca di entrare in acqua – afferma Luca Schito -. Si potrebbe pensare di mettere la figura di un bagnino che dia l’indicazione di non proseguire o una striscia da non oltrepassare. E’ questa la mia richiesta affinchè altri genitori non debbano piangere altri figli e visto che si sta andando verso la stagione calda in cui la zona del lago sarà molto frequentata. Chiedo questo, io non mi fermo”.
E il padre aggiunge: «Quando li abbiamo chiamati, i soccorsi sono arrivati in barca: ma non si sono tuffati a cercare mio figlio perchè non avevano la maschera. Come è possibile? Mio figlio poteva essere salvato”.
E il ricordo torna a Lory: nato a Legnano, aveva frequentato le scuole a Cerro, poi il Bernocchi di Legnano. Amava il trap (ascoltava Sfera Ebbasta, Fabri Fibra, Gemitaiz), a volte provava a cantare in rima, ogni tanto andava al Parco delle Collinette dove un amico gli insegnava qualche mossa di arti marziali. “Era un leader, un trascinatore – ricorda il papà -. I messaggi dei suoi amici lo dimostrano: ‘Sei speciale’ gli dicevano”. “Era un giocherellone, un coccolone – aggiunge Jenny -, voleva sempre essere abbracciato, prendersi tanti bacini, non stava mai fermo. Era pieno di ragazze, orgoglioso, un grande, faceva a gara a chi prendeva più voti dalle ragazze. Per gli amici si faceva in quattro, non seguiva gli altri ma erano gli altri che seguivano lui”.
La famiglia conclude: “Vogliamo ringraziare tutti quelli che ci sono stati vicini in questo momento difficile”.

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
ANCI Lombardia