Commemorazione

L’omaggio al sacrificio dei quattro partigiani

Si è svolta a Robecchetto la cerimonia in memoria dei quattro partigiani di Rho trucidati e uccisi dai fascisti

L’omaggio al sacrificio dei quattro partigiani
Legnano e Altomilanese, 10 Ottobre 2020 ore 17:56

A 76 anni dalla loro morte, il Rhodense e il Castanese hanno ricordato  il sacrificio dei quattro partigiani di Rho, torturati, fucilati e gettati nel Naviglio nella zona della cascina Padregnana di Robecchetto: Alfonso Chiminello, Alvaro Negri, Pasquale Perfetti e Luigi Zucca.

La cerimonia di commemorazione dei quattro partigiani

Si è svolto oggi pomeriggio, sabato 10 ottobre 2020, la cerimonia di commemorazione che ha visto coinvolte le Amministrazioni di Rho, Robecchetto, Magnago, Cuggiono, Castano, il consigliere regionale Pd Carlo Borghetti e le sezioni Anpi del Castanese e del Rhodense.

“Siamo qui a ricordare i quattro partigiani che 76 anni fa furono fucilati dalle milizie fasciste e gettati nelle acque del Naviglio – ha iniziato il presidente della sezione Anpi di Rho Mario Anzani – La cerimonia è più sommessa quest’anno, senza le scuole e senza i pullman organizzati. Dobbiamo assumere comportamenti consoni per evitare il dilagare del Covid, e sono sicuro che Alfonso, Alvaro, Pasquale e Luigi avrebbero compreso la scelta e avrebbero condiviso questa sensibilità per il bene comune. Purtroppo viviamo tempi grami, perché la storia sta dando segni di un ritorno all’indietro con il ritorno di nazionalismi chiusi e pericolosi. Ma occorre saper reagire con un nuovo sogno fraternità”.

Sulla stessa linea i discorsi anche del sindaco di Robecchetto, Giorgio Braga, e di quello di Rho, Pietro Romano.

“Questa è una manifestazione che mi dà sempre grande emozione, tanto che il 25 Aprile lo festeggiamo sempre qua, perché questo è un luogo che ha sancito la nascita di quella che è la nostra Nazione, che è stata creata con la Costituzione e i suoi valori – ha detto Braga – Ne approfitto per ricordare che le regole vanno sempre rispettate, perché la libertà si basa su quello che sono le regole, fatte per rispettare i più deboli e chi ha più bisogno”.

“Anche se in modo sommesso era doveroso venire qui oggi – ha continuato Romano – Venire qui è sempre emozionante, per me oggi l’emozione è doppia perché questo è l’ultimo anno che sono qui a rappresentare la mia città, ma non sarà l’ultimo che verrò a Robecchetto per tenere vivi i valori della Resistenza”.

A chiudere la cerimonia il presidente Anpi Turbigo Giuliano Cipelletti, che ha ricordato la storia dei 4 partigiani, di Cesare Belloni che invece riuscì a salvarsi, e la figura della presidente nazionale dell’Anpi Carla Nespolo, venuta a mancare pochi giorni fa.

9 foto Sfoglia la gallery

TORNA ALLA HOME PAGE 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia