Coronavirus

Limiti Covid, l’allarme delle piscine: “Rischiamo di chiudere”

Associazione regionale imprese dello sport: non solo un danno economico, ma anche sociale, con l’ indice di 7 metri quadrati di superficie di acqua a persona centinaia di impianti pensano alla chiusura".

Limiti Covid, l’allarme delle piscine: “Rischiamo di chiudere”
Rhodense, 16 Agosto 2020 ore 23:02

I contagi salgono e l’allerta Covid torna a far paura, sia dal punto di vista sanitario sia da quello economico. Da un lato il timore di una seconda ondata, dall’altro c’è anche chi ha appena ripreso a lavorare e, con la situazione attuale, rischia di tornare a chiudere. E’ il caso delle piscine.

Limiti Covid, l’allerta delle piscine

Parla di un vero e proprio “tsunami” per le piscine l’Arisa, l’Associazione regionale imprese dello sport (aderente a Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza) riferendosi ai limiti previsti con le linee guida per l’emergenza Covid: “La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 metri quadrati di superficie di acqua a persona. Fermo restando che deve in ogni caso essere assicurato il distanziamento interpersonale di almeno un metro, fatta eccezione per le persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale, la densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di superficie di calpestio a persona coerente con l’indice di densità affollamento in vasca di cui sopra. Il gestore pertanto è tenuto, in ragione delle aree a disposizione, a calcolare e a gestire le entrate dei frequentatori nell’impianto in base agli indici sopra riportati”.

“Se con i prossimi provvedimenti normativi le linee guida non verranno modificate, moltissimi impianti saranno costretti a chiudere – dichiara il direttore di Arisa Paolo Uniti – I gestori, infatti, si trovano oggi nell’impossibilità di far fronte agli elevati costi di gestione aggravati dalle numerose e frequenti procedure di sanificazione e  igienizzazione, necessarie a garantire la sicurezza degli utenti”.

“In Lombardia – ricorda Arisa – sono presenti oltre mille impianti natatori, in grado di assicurare ai cittadini la possibilità di praticare sport in sicurezza sia a livello agonistico sia amatoriale. Come i corsi che venivano svolti, quotidianamente, dai bambini e dagli anziani per il loro benessere fisico e che di fatto, nella maggioranza dei casi, sono bloccati da febbraio. Una vasta chiusura degli impianti provocherebbe non solo un danno dal punto di vista economico ed occupazionale, ma anche sociale  venendo a mancare un servizio a disposizione della cittadinanza. Non va dimenticato, inoltre, che molti impianti sono di proprietà comunali e il fallimento dei gestori avrebbe un grave impatto sui servizi erogati dagli enti locali”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia