Legnano, selfie sui binari del treno: quattro 14enni bloccate dalla Polizia locale

Legnano, selfie sui binari del treno: quattro 14enni bloccate dalla Polizia locale
13 Marzo 2017 ore 16:09

LEGNANO – Quattro ragazze, tutte 14enni, sono state sorprese da una pattuglia del comando di Polizia locale mentre sostavano in mezzo ai binari intente ad effettuarsi dei selfie.
L’episodio è avvenuto nel primo pomeriggio di sabato 11 marzo all’incrocio tra via Nazario Sauro e via De Amicis, in zona Oltrestazione.
Qui si trova un parchetto pubblico che confina con la linea ferroviaria Milano-Varese. Approfittando del pessimo stato in cui versa la recinzione, hanno raggiunto la massicciata iniziando a fotografarsi con i rispettivi cellulari. La cosa è stata per fortuna notata da alcuni residenti in zona che hanno telefonato al comando di corso Magenta ed una pattuglia di agenti è intervenuta sul posto ponendo fine a un “passatempo” davvero pericoloso.
Le quattro ragazze sono state portate al Comando per essere identificate. I genitori, dopo essere stati avvisati telefonicamente, hanno raggiunto il Comando per riprendersi le rispettive figlie, che saranno ora sanzionate dalla Polizia Ferroviaria. 
«Siamo di fronte a un episodio di incredibile gravità – commenta il sindaco Alberto Centinaio – che per fortuna non si è trasformato in tragedia. Come sindaco e come genitore invito tutti coloro che hanno una responsabilità educativa ad intervenire per porre un freno a questa moda demenziale che si sta diffondendo tra gli adolescenti. Si faccia tesoro di questo fatto per aprire un serio confronto nelle famiglie, a scuola, negli oratori… Spieghiamo ai nostri ragazzi che seguire per emulazione certe mode è una vera e propria follia. Da subito, anche se la competenza sarebbe delle Ferrovie dello Stato, ho dato intanto disposizione affinché si intervenga a riparare la recinzione da cui sono passate le ragazze per raggiungere la massicciata».


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia