Menu
Cerca
coronavirus

"Le multe? Me ne frego tanto non le pago"

"Le multe? Me ne frego tanto non le pago"
Cronaca Rhodense, 02 Maggio 2020 ore 11:00

Ventottene di Rho raggiunge la quota di 9mila euro di multe

 

Denunciato da Carabinieri e Polizia dopo l'ennesima multa

«Sono già stato denunciato sia dai Carabinieri che dalla Polizia ma a casa proprio non riesco a stare».
Sono sbalorditi gli uomini delle Forze dell’ordine che operano nella città di Rho che ogni giorno, durante i normali pattugliamenti e i posti di blocco che operano sul territorio fermano M.C. cittadino rhodense classe 1992 che, incurante dei decreti firmati in queste settimane dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, lascia la sua abitazione e esce di casa per una passeggiata.

Fermato due volte nella stessa sera e nuove multe

Nel giro di un mese, il 28enne rhodense è stato denunciato per ben 8 volte raggiungendo in poche settimane una cifra record di multe ovvero 9mila euro. Un uomo da record che l’altra sera è stato fermato per due volte di seguito, a distanza di più di tre ore l’una dall’altra. La prima volta è stato bloccato dagli agenti del Commissariato di Rho-Pero in via Balzarotti nella frazione di Mazzo, dove il giovane abita. Erano da poco passate le 21 quando gli agenti hanno notato M.C. sfrecciare a bordo della sua auto. Fermato dopo pochi minuti all’intersezione con via Togliatti, l’uomo dichiarava di con atteggiamenti e toni sfrontati che sapeva di aver trasgredito le misure per il contagio, di essere per strada perché si era recato a casa di una sua amica, ribadendo più volte che ormai aveva fatto la collezione di sanzioni che non intendeva mai pagare e che comunque avrebbe continuato ad uscire liberamente incurante del pericolo di contagio sia per lui che per gli altri.

Accompagnato in commissariato. E nuove multe

Il giovane veniva quindi accompagnarlo in Commissariato e sottoporlo ai rilievi fotografici e dattiloscopici oltre a sanzionarlo amministrativamente con una multa di 1.066euro. Importo così alto in quanto il giovane era recidivo e aveva già preso bene 6 multe nei giorni precedenti. Il giovane veniva quindi accompagnato nella sua abitazione dove però rimaneva per poco. Era infatti passata da pochi minuti la mezzanotte quando gli agenti del turno successivo, durante il normale svolgimento del pattugliamento notavano in via De Gasperi, sempre nella frazione di Mazzo ancora l’auto del ragazzo.  Alla guida c’era ancora lui M.C. Invitato a compilare l’autocertificazione il giovane dichiarava che stava andando a prendere la sua ragazza alla Stazione di Rho.

"Non riesco a stare in casa"

I poliziotti avvisavano l’uomo che sulla base delle sue dichiarazioni, non potendo dimostrare concretamente il motivo del suo spostamento per comprovate esigenze sia lavorative che di necessità, sarebbe stato multato come previsto da nuovo decreto ministeriale, avendo lasciato senza giustificato motivo il proprio domicilio. M.C. durante la stesura degli atti riferiva agli operanti di essere già stato denunciato sia dai Carabinieri che dalla Polizia e che non riusciva a stare a casa in quanto fa uso, a suo dire, di sostanze stupefacenti.

TORNA ALLA HOME PAGE