Menu
Cerca

La Lega Rho dalla parte degli studenti

Il gruppo del Carroccio ha presentato due interrogazioni per i prossimi consigli comunali

La Lega Rho dalla parte degli studenti
Cronaca Rhodense, 06 Febbraio 2021 ore 12:00

Il capogruppo del Carroccio Stefano Giussani chiede d’installare purificatori d'aria nei nostri plessi scolastici

Giussani: "I purificatori d'aria in classe porterebbero enormi benefici"

La Lega di Rho dalla parte degli studenti. Con due interrogazioni depositate dal capogruppo Stefano Giussani, il gruppo chiede delucidazioni per conto delle famiglie rhodensi e degli studenti della città. «Abbiamo protocollato un'interrogazione a risposta scritta per chiedere un parere all'amministrazione comunale in merito all'opportunità d’installare purificatori d'aria nei nostri plessi scolastici - afferma Stefano Giussani -. Dalle ultime analisi di laboratorio e dalle esperienze di altri comuni che hanno utilizzato questi strumenti, è stato possibile abbattere la possibilità di contagio da Covid. Questo permette anche di non lasciare aperte tutto il giorno le finestre per arieggiare, incidendo negativamente sulla salute dei ragazzi e sulla temperatura degli ambienti, soprattutto nella stagione invernale. Riteniamo perciò che questa soluzione possa essere adottata anche nelle nostre scuole, visti gli enormi benefici a fronte di costi molto più ristretti.

Realizzare a villa Burba uno spazio in sicurezza per gli studenti universitari

La seconda interrogazione riguarda, invece villa Burba «Uno spazio vitale per gli universitari, con l'arrivo della bella stagione, il Comune dovrebbe attivarsi per implementare gli spazi studio e le dotazioni presenti. Abbiamo ricordato all'amministrazione comunale le promesse, messe nero su bianco con la mozione approvata all'unanimità il 28 giugno affinché fossero rinnovati gli spazi e le attrezzature della biblioteca. Auspichiamo che l'amministrazione comunale risponda con azioni concrete e rapide ai bisogni degli studenti. Il “diritto allo studio” non è solo uno slogan, possiamo fare molto per le nostre famiglie e i nostri studenti abbandonati in questi mesi dal Governo Conte!»