Menu
Cerca

La gaffe social del sindaco leghista di Gallarate che accusa un tunisino innocente

Il Partito Democratico Gallarate ironizza: "Mostrando qualche limite nella comprensione dei testi scritti, Cassani trasforma la vittima in carnefice"

La gaffe social del sindaco leghista di Gallarate che accusa un tunisino innocente
Cronaca Saronno, 19 Agosto 2019 ore 17:46

La gaffe social del sindaco leghista di Gallarate: "Via a calcioni nel suo paese" ma è il tunisino la vittima.

La gaffe social del sindaco leghista di Gallarate che accusa un tunisino innocente

Il sindaco leghista Andrea Cassani appresa la notizia di un incendio doloso ha deciso di commentarla su Facebook. Le parole, molto forti, dipingono un tunisino di 60 anni che annoiato decide di appiccare un rogo ad un'auto. Lo strafalcione sta proprio nell'inversione di ruoli della "storia" da lui raccontata. Infatti sembrerebbe che il gesto sia stato compiuto da un italiano 60enne con problemi psichici ai danni di un tunisino e non il contrario, come si evince dalle parole del primo cittadino. Il post, cancellato dopo soli 6 minuti, ha creato comunque scalpore.

L'ironia del Partito Democratico Gallarate

Il post del primo cittadino di Gallarate è stato rimosso ma sfortunatamente per Cassani alcuni esponenti del Pd hanno screenshottato la gaffe dal titolo "Tunisino dà fuoco ad auto per passare il tempo". Immediato e aspettato il commento dell'opposizione che su Facebook scrive:

"Mostrando qualche limite nella comprensione dei testi scritti, Cassani legge di un sessantenne con problemi mentali che da fuoco all'auto di un tunisino.

E lui cosa fa? Trasforma la vittima in carnefice e confonde un malato psichiatrico con un delinquente: per Cassani è difficile leggere mentre il suo nutrito ufficio stampa è in vacanza!

E come farà per capire i bilanci, le sentenze e l'urbanistica? Semplice, come ha fatto col pgt Petrone!"

 

Il sindaco ha ammesso il suo errore

Cassani, dopo aver cancellato il post intitolato "Tunisino dà fuoco ad auto per passare il tempo", ha ammesso il suo errore in una altro post. Ha poi pubblicato alcuni dei messaggi privati che gli sono stati mandati con insulti:

LEGGI ANCHE: Sacerdote spintonato e insultato perché di colore