abbiategrasso

La causa degli incidenti stradali? La risposta è nella ricerca di FIAB Abbiateinbici

"Le norme devono sempre essere rispettate a prescindere dalla modalità con cui ci si muove in strada"

La causa degli incidenti stradali? La risposta è nella ricerca di FIAB Abbiateinbici
Magenta e Abbiategrasso, 18 Settembre 2020 ore 09:50

(Foto d’archivio)

Autoveicoli, biciclette, pedoni e incidenti stradali ad Abbiategrasso

La causa degli incidenti stradali? La risposta è nella ricerca di FIAB Abbiateinbici

Il comportamento irregolare degli automobilisti è causa di tre quarti dei sinistri con lesioni alle persone auto-pedoni e auto-ciclisti accaduti nel comune di Abbiategrasso dal 2014 al 2018. Lo rivela una ricerca di FIAB Abbiateinbici sui 237 incidenti che hanno avuto per vittima un utente “vulnerabile”, ciclista (170 incidenti con 180 feriti e 2 morti) o pedone (67 incidenti con 74 feriti). Gli incidenti sono avvenuti prevalentemente in città, di giorno e con buona visibilità; non si sono registrati incidenti ciclisti-pedoni. A certificarlo sono i dati del database pubblico ISTAT “Incidenti
stradali con lesioni alle persone 2010-2018”, che riporta il comportamento dei soggetti coinvolti come descritto da carabinieri e polizia locale.
In sintesi le responsabilità. Autoveicolo-pedone: il conducente dell’automezzo è colpevole in 5 casi su 6, il pedone in 1 su 5; autoveicolo-ciclista: il conducente dell’automezzo è colpevole in 2 casi su 3, il ciclista in 1 su 3. I fatti dimostrano che i conducenti di automezzi per distrazione, eccesso di velocità e non rispetto della segnaletica, provocano la grande maggioranza dei sinistri. Non dando la precedenza, “sfiorando” o tagliando la strada a 30, 40, 50 km/h è facile far perdere l’equilibrio a chi cammina o pedala, e l’incidente è favorito anche quando si parcheggia in modo che pedoni/ciclisti sono obbligati a spostarsi in mezzo alla strada.

“Le norme devono sempre essere rispettate a prescindere dalla modalità con cui ci si muove in strada, ma se i conducenti di automezzi ponessero maggiore attenzione alle regole, i sinistri che hanno avuto per vittime utenti vulnerabili avrebbero potuto essere 66 invece di 237! La sicurezza stradale in città cresce moderando e limitando il traffico, e sanzionando sistematicamente i comportamenti scorretti di tutti”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia